Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconStile di vita
line break icon

A quale gruppo di persone appartenete durante questa pandemia?

Dragana Gordic | Shutterstock

Catholic Link - pubblicato il 04/04/20

di Mauricio Montoya

Il COVID-19, oltre ad essere il virus che sta paralizzando tutto il mondo, è un tema che tocca ogni dimensione della vita umana. Basta entrare in una delle nostre reti sociali per essere immediatamente bombardati da informazioni, notizie, catene e immagini sulla situazione attuale di fronte a questa malattia.

Dovremmo però chiederci come stiamo agendo e come stiamo sostenendo la nostra famiglia e i nostri amici. È comune sentire in questi giorni che siamo la generazione a cui è stato chiesto di non fare niente e non siamo stati in grado di far bene neanche questo.

In questa sede vorrei invitare a riflettere su chi vogliamo essere ai tempi del COVID-19.

1. Chi resta paralizzato dal panico

In questi tempi in cui ogni notizia è tanto incoraggiante quanto catastrofica, assumere questo atteggiamento e mantenerlo è molto facile. Ed è logico, perché ogni volta che si accende la televisione o la radio o si entra su Internet ci si imbatte in un’infinità di informazioni, in cui inoltre si collegano tutte le buone notizie con quelle negative. Si dice, ad esempio, che ci sono x persone guarite, ma questo dato viene subito affiancato dal numero dei decessi.

Il problema è restare in quella situazione senza far niente, o peggio ancora, facendo molto e non aiutando gli altri, come chi accaparra i prodotti nei negozi senza pensare a chi non ha acquistato ciò di cui ha bisogno, o chi come frutto della tensione e dell’ansia del momento si lascia andare al cattivo umore.

La questione è come uscire da questo stato d’animo. Vi raccomando di fermarvi un momento, di respirare e pensare a come potete aiutare i familiari e gli amici più vicini perché quanto fate contribuisca alla soluzione della situazione.




Leggi anche:
Il sorriso di Leo, neonato guarito dal Covid-19, fonte di speranza

2. Chi sta attraversando la zona di apprendimento

Dragana Gordic | Shutterstock

Sono coloro che hanno preso il controllo di se stessi in questa situazione, essendo capaci di riconoscere che tutti stiamo in qualche modo mettendo il nostro granello di sabbia nella situazione attuale.

Sono anche tutti coloro che iniziano a cercare un modo di aiutare con più generosità, non solo a livello economico, ma anche con l’assenza di disinformazione e diffusione del panico, come accade con le fake news.

In questa condizione è importante imparare a riconoscere quali sono gli strumenti che abbiamo a disposizione per andare avanti – strumenti come i talenti e le qualità personali, la ricchezza del calore e della fraternità familiari, la fede e la preghiera.

Chi si trova in questa fase deve gettare le radici che lo porteranno ad essere una persona migliore per la società futura. Sì, parlo di una società futura, perché dopo il COVID-19 non potremo essere uguali. Dev’essere come dice Papa Francesco, come dopo una guerra, in cui le civiltà si ricostruiranno e si rafforzeranno.


INSOMNIA, SLEEPLESS,

Leggi anche:
Insonnia da quarantena: consigli per dormire bene al tempo del Covid

3. Chi si trova in una zona di crescita

peace
fizkes | Shutterstock

Magari ci trovassimo tutti in questa zona! È la situazione in cui riconosciamo il momento che stiamo vivendo, siamo consapevoli della situazione mondiale e sappiamo che in un modo o nell’altro possiamo aiutare gli altri. Chi si trova nella zona di crescita si propone un futuro migliore, perché è una persona che ha già guardato con occhi di maturità e di fede un futuro tanto plausibile quanto superiore.

La zona di crescita ci aiuterà a far parte di un’umanità migliore. Una generazione di persone consapevoli dei propri limiti e che in modo responsabile coestiste con la creazione. Una società che sia davvero fraterna, umana e civile.

Il COVID-19 influisce sulla salute delle persone, ma ci chiama anche all’umiltà e alla generosità, a uscire dall’intimo della nostra famiglia verso gli altri.

Vi siete lasciati interpellare da questa situazione? Avete riconosciuto la chiamata di conversione che ricevete? Siate già usciti dalla zona di panico?

Non dimenticate che la preghiera e la fraternità, sia fisica che virtuale, sono tra i tanti strumenti per superare nel modo migliore quello che stiamo vivendo. Coraggio, non siete soli!

Qui l’articolo originale pubblicato su Catholic Link.

Tags:
coronavirus
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni