Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconStorie
line break icon

Regala cibo ai camionisti nonostante la chiusura del suo ristorante

EL HACHO

Facebook-@miguel.decelismorales

Dolors Massot - pubblicato il 03/04/20

Thermos di caffè e latte, bevande, panini e dolci per i trasportatori dopo migliaia di chilometri senza trovare un locale aperto, per servire chi evita che la Spagna resti senza cibo

El Hacho è un bar-ristorante di strada situato al chilometro 110 della A-2, a Lora de Estepa (Siviglia). Lo conoscono bene i tanti camionisti che attraversano la Spagna da nord a sud, ed è stato fondato da Jesús, il nonno della famiglia, circa 35 anni fa.

Sabato 14 marzo, il Governo spagnolo ha decretato lo stato d’emergenza e ha ordinato la chiusura di tutte le strutture di ristorazione come misura per frenare il contagio del coronavirus. Alla famiglia che gestisce El Hacho non è rimasto altro da fare che rispettare la legge. Ma non solo.

“Assistiamo i camionisti da tanti anni, e ora non potevamo abbandonarli”, ha spiegato Jessica, il membro della famiglia che gestisce la struttura.

La famiglia ha pensato di collocare un camioncino tipo “food truck” di fronte al bar-ristorante e riempirlo di thermos di caffè e latte caldo, dolci e bevande in un frigorifero, acqua per infusi, patatine fritte… l’indispensabile per dar da mangiare ai camionisti. Il servizio è gratuito.

EL HACHO
Facebook-@miguel.decelismorales

In questo momento, molti camionisti non trovano neanche un bar dove prendere un caffè o andare al bagno. “Alcuni vengono dal nord della Spagna o anche dal sud della Francia. Guidano per molte ore, e almeno qui li rifocilliamo un po’. Ciascuno può prendere ciò che vuole”. Un cartello lo dice chiaramente: “Non vogliamo denaro. Grazie”.

EL HACHO
Facebook-@miguel.decelismorales

Gratitudine da parte dei camionisti

I camionisti sono infinitamente grati per questo dono. “Ci hanno lasciato dei biglietti di ringraziamento. Uno diceva ‘Grazie, Jesús e famiglia’. Jesús era mio nonno, ed è stato lui a fondare il bar. Emoziona vedere che è un servizio che li sostiene e offre loro un po’ di sollievo per continuare a lavorare”.

“Non posso aprire il bagno”, ha aggiunto David Borrego, uno dei fratelli, “perché è proibito, ma almeno sanno che siamo con loro in questo momento tanto difficile”. Il primo giorno dell’emergenza David vedeva i camionisti che si fermavano e bussavano ai vetri chiedendo di entrare, e questo gli spezzava il cuore. Ha allora deciso di inventare il servizio self service con il camioncino, e sui vetri ha messo dei cartelli. Uno di questi dice: “Siamo con i camionisti. Questa lotta è di tutti. Non possiamo aprire, ma possiamo sostenervi”. In un altro si legge: “Self service gratuito. Prendete quello che volete. Siamo qui 24 ore al giorno”.

EL HACHO
Facebook-@miguel.decelismorales

Da 15 lavoratori a 4

“Eravamo 15 persone a lavorare nel ristorante, dovendo chiuderlo ora siamo rimasti in 4, ma facciamo i turni per rifornire il camioncino perché non manchi nulla 24 ore al giorno”.

“Continueremo a farlo per quanto serve”, ha affermato Jessica.

Tra i biglietti di ringraziamento c’è un’immagine della Vergine

“Qualche giorno fa, rifornendo il camioncino, abbiamo trovato tra i biglietti anche un’immagine della Vergine. Alla base della foto c’è scritto: ‘ Fraternità Salesiana di Nostro Padre Gesù nel suo Ingresso Trionfale a Gerusalemme. L’Asino de La Palma del Río’”. Se un asino è stato il mezzo di trasporto di Gesù la Domenica delle Palme e quest’anno la statua non potrà uscire in processione, viaggia per le strade del Paese dando ciò che serve.

“Qui si fermano camion di frutta, carne, verdura, medicinali…”, ha detto Jessica. E sottolinea: “Siamo molto contenti di continuare a farlo ogni giorno”.

HERMANDAD LA BORRIQUITA
Hermandad La Borriquita Palma del Río

Conoscendo l’iniziativa di questo ristorante, varie imprese della zona hanno voluto unirsi a questa azione di aiuto e contribuiscono con i loro prodotti: Goloestepa offre le patatine fritte, la pasticceria Camacho Romero i dolci, Aguas Danone le bottigliette, e collabora anche una pizzeria.

Anche se il traffico è diminuito, non smettono di arrivare camion. Molti autisti suonano il clacson in segno di riconoscenza, e i 4 rimasti a gestire la struttura sentono che quello che stanno facendo ha tutto il senso del mondo.

Tags:
coronaviruscristo respagna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni