Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 13 Aprile |
Beato Rolando Rivi
home iconChiesa
line break icon

Il messaggio che il Papa vuole che inscriviate per sempre nel cuore

POPE URBI ET ORBI

YARA NARDI / POOL / AFP

Catholic Link - pubblicato il 02/04/20

L’atteggiamento cristiano di fronte alla tempesta

Papa Francesco ha iniziato aiutandoci a ricordare la nostra fraternità universale. Siamo perduti, ma non siamo soli. Innanzitutto, siamo tutti nella stessa situazione. Con poche, forti parole, il Pontefice ci ha detto che in questa tempesta ci troviamo di fronte a due atteggiamenti.

Il primo è quello degli apostoli, che riflettono la nostra paura, la nostra angoscia e tante reazioni negative, il secondo è quello di Gesù, per noi molto difficile da capire. Pietro, svegliandolo, gli chiede se non gli importi di quello che stanno vivendo. A Dio non importa cosa sta accadendo all’umanità?

La situazione in cui ci troviamo è di grande sofferenza. Direi che stiamo attraversando un “lutto” universale. Il dolore e la sofferenza – di varia indole – fanno sì che nel nostro cuore si insedi un’esperienza di vuoto e mancanza di senso, che ci brucia profondamente.

Sembrerebbe che a Gesù non importi della nostra situazione. Chiedo a chi ha figli come si sentirebbe se uno di loro gli chiedesse se non gli importa del suo dolore o della sua sofferenza. È come una spada che trafigge il cuore di fronte al dubbio dell’amore che proviamo per loro.

Gesù chiede allora agli apostoli – e Papa Francesco lo ha ripetuto varie volte nella sua riflessione – “Perché avete paura? Non avete fede?” Ciascuno di noi deve porsi questa domanda. Quando guardiamo le croci e le sofferenze della nostra vita, cosa pensiamo di Dio? Quante volte lo rimproveriamo, dicendo che non si interessa di noi, che ci ha dimenticato o che permette perfino il male, perché non ci ascolta più?

Il Signore dorme nella tempesta, e spesso sembra “dormire” anche nella nostra vita. Bisognerà chiedergli di svegliarsi?

Dico a ciascuno di voi lettori: “Svegliati, tu che dormi, apri gli occhi e renditi conto che il Signore è al tuo fianco e ti tiene per mano”. Solo quando chiediamo il suo aiuto riconosciamo la nostra situazione di vulnerabilità, di totale fragilità. La sua grazia ha il modo di penetrare nei nostri cuori e di rendersi presente nella nostra vita (1 Corinzi 12, 9 – 10).

Scopriamo le cose importanti della vita

“Vi supplichiamo nel nome di Cristo: siate riconciliati con Dio” (2 Corinzi 5, 20). È un tempo di prova, e non per dare giudizi. Separate ciò che è necessario nella vostra vita da quello che non lo è. Tornate all’essenziale. Ristabilite la direzione della vostra esistenza, e prendete coscienza degli atteggiamenti che dovete cambiare.

Rinnovate o recuperate la vita dello spirito. Abbandonate le maschere, le cose materiali. Non cercate le apparenze delle passerelle di moda, degli spettacoli di questo mondo consumistico ed edonista. Scriviamo una nuova storia e guardiamo a coloro che con il loro servizio silenzioso stanno forgiando la base della nostra società: medici, infermieri, équipes sanitari, poliziotti, insegnanti, politici, sacerdoti e consacrati.

Viviamo la speranza che ci dona il Signore

È il momento di vivere la speranza. Non lasciamoci trascinare da paura o panico. La fede ci dà la certezza nel fatto che Gesù ha già vinto la morte di questo mondo, dei nostri cuori. È Lui che calma la tempesta che stiamo attraversando.

È Lui che ci offre la vera speranza (Rm 5, 3-5). Non è un ottimismo ingenuo, né un negativismo rassegnato. È l’atteggiamento sereno di chi scopre che in tutta questa situazione ha un porto sicuro, è nella barca della Chiesa, fatta del legno della croce su cui è morto il Signore.

È questa la nostra speranza. Se rimaniamo in questa barca, allora possiamo stare tranquilli, perché il Signore stesso ci ha detto che sarà con noi fino alla fine dei tempi. Non ci ha abbandonati. Si preoccupa per noi.

Senza questa fede e questa speranza affondiamo, non siamo autosufficienti. Invitiamo il Signore nella barca della nostra quarantena, della nostra vita, della nostra casa e della nostra famiglia. Signore, porta la serenità che tanto desidero. Dicci “Svegliati, tu che dormi! E lasciami entrare nella tua vita!”

Non abbiamo paura. Il Signore è risorto, e lo vivremo ancora una volta in questa Pasqua. Ravvivate la vostra fede, non permettete che la fiamma di Cristo si spenga nel vostro cuore. Perché avere paura se il Signore è già risorto? Ricordiamo le parole di Papa Francesco durante quesa bella omelia:

“Andate dunque e fate miei discepoli tutti i popoli battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutte quante le cose che vi ho comandate. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, sino alla fine dell’età presente” (Matteo 28, 19-20).

Qui l’articolo originale pubblicato su Catholic Link.

  • 1
  • 2
Tags:
coronaviruspapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
2
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
3
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
4
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Padre Gilvan Manuel da Silva perde pais e irmãos para covid-19
Ancoradouro
Sacerdote perde genitori e fratelli per il Covid-19 e afferma: “S...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni