Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Luglio |
San Pantaleone
home iconSpiritualità
line break icon

Viviamo il Purgatorio nella Quaresima!

Purgatorio

Public Domain

padre Robert McTeigue, SJ - pubblicato il 01/04/20

La Divina Commedia di Dante può essere la nostra guida quaresimale

“La mia massima aspirazione spirituale è salire sull’ultimo autobus in partenza per il Purgatorio”.

Come rispondereste? Sì, è una dichiarazione fatta perlopiù per scherzo, e forse è una versione un po’ più leggera, anche se più oscura, dell’osservazione del leggendario allenatore di football Vince Lombardi: “Signori, inseguiremo la perfezione e la inseguiremo senza sosta, sapendo al contempo che non potremo mai raggiungerla. Lungo il percorso, però, raggiungeremo l’eccellenza”.

Alcuni, temo, pensano di non aver mai raggiunto l’eccellenza o qualcosa che sia anche solo “abbastanza buono”.

Circa il primo aspetto: la pratica comune di rendere una Messa funebre una canonizzazione, in cui i partecipanti gioiscono in una “celebrazione della vita” piuttosto che impegnarsi a pregare e a compiere sacrifici per conto del defunto.

Sull’ultimo: ricodo che quando ero da poco sacerdote ed ero in missione in una parrocchia una persona mi ha detto: “Non mi confesso da 17 anni, ma va bene, perché fondamentalmente sono una brava persona”. Nessuna delle due cose è pratica o cattolica.

In questi giorni, soprattutto in Quaresima, e in particolare nella Quaresima 2020, sarebbe bene ricordare la dottrina del Purgatorio:

“Definiamo che le anime di chi, veramente pentito, muore nell’amore di Dio, prima di aver soddisfatto per i peccati e le omissioni con degni frutti di penitenza, vengono purificate dopo la morte con le pene del purgatorio; che, perché siano sollevate da queste pene, sono loro utili i suffragi dei fedeli viventi, cioè il sacrificio della messa, le preghiere, le elemosine, ed altre pratiche di pietà, che i fedeli usano offrire per gli altri fedeli, secondo le consuetudini della Chiesa” (Concilio di Firenze, 1438-1443).

Il Purgatorio ci ricorda che la grazia è gratuita ma non a buon mercato, e che la misericordia non cancella le esigenze della giustizia. Quello che facciamo e non facciamo conta davvero, e ha consguenze profonde e potenzialmente eterne.

In questa Quaresima in cui molti di noi sono costretti a casa in risposta alla pandemia del COVID-19, sarebbe bene pensare alla nostra mortalità e immortalità. Lasceremo questa vita solo con l’anima, e la presenteremo a Dio per il giudizio. Usare questo periodo per fare un “inventario” morale, con la risoluzione di “mettere in ordine” la nostra casa, potrebbe essere la cosa migliore da fare in questo periodo difficile.

Da dove iniziare? Suggerisco di prendere il Purgatorio, il secondo volume della Divina Commedia di Dante. Si tratta di un’opera letteraria e non dottrinale, ma è scritta in modo così vivido (e in molte edizioni è così finemente illustrata) che può essere usata come base per un esame di coscienza approfondito. All’inizio di questo capolavoro, Dante ci dà una chiara idea del motivo per il quale dovremmo intraprendere questo compito:

“Per correr miglior acque alza le vele
omai la navicella del mio ingegno,
che lascia dietro a sé mar sì crudele;
e canterò di quel secondo regno
dove l’umano spirito si purga
e di salire al ciel diventa degno”.

  • 1
  • 2
Tags:
purgatorioquaresima
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
ABORTION
Giovanna Binci
Ride, balla, abortisce e posta: teenager “celebra” ab...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni