Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 29 Febbraio |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Ecco le uova della Resurrezione da fare insieme ai nostri figli!

CHILD, EASTER, EGGS

MNStudio | Shutterstock

Stile di vita di una folle donna cattolica - pubblicato il 31/03/20

È la versione pasquale del calendario dell'Avvento, per puntare più sul Vangelo e meno sul cioccolato. Ottima attività creativa e familiare in tempo di quarantena.

Qualche giorno fa grazie ad un commento ho scoperto l’esistenza delle “resurrection eggs” e per capire bene di cosa si trattasse ho fatto svariate ricerche trovando solo materiale in inglese ( ringrazio Bea per l’aiuto nella traduzione).
Leggendo qua e là ho scoperto questa particolare tradizione che ricorda un po’ l’avvento perché è possibile aprire un uovo al giorno per 12 giorni fino a Pasqua.
In ogni uovo è presente un pezzetto di vangelo e un oggetto che rappresenta il versetto in modo da poterlo meditare aiutando anche i bambini a comprendere meglio la storia della Pasqua.
Questa attività è incentrata veramente su Cristo invece delle classiche sorprese all’interno degli ovetti di cioccolato.
Alla fine vi dirò come è possibile utilizzarli per raccontare la storia della Pasqua di Gesù.
(Per la storia delle uova di Pasqua vi rimando a questo articolo in cui ne parlo).




Leggi anche:
A Natale c’è il presepe… e a Pasqua? Il giardino della Resurrezione

L’occorrente è reperibilissimo in casa senza bisogno di fare acquisti specifici, poi se volete esistono i kit già pronti acquistabili online ma credo sia più bello e utile crearlo da soli e con i bambini a casa.
Oggi in realtà i miei non avevano voglia di colorare per cui mi sono divertita da sola, loro si occuperanno di aprirli.

RESURRECTION, EGGS
Stile di vita di una folle donna cattolica

Cosa serve?

– contenitori per uova in cartone (ne ho uniti 2)
– uova di plastica (quelle degli ovetti kinder, inizierò ora a metterle da parte per il prossimo anno)
– (se non avete le uova di plastica potete ricrearli con la carta alluminio utilizzando un uovo come sagoma)
– carta
– penne, colori
– tempere e pennarelli
– Forbici
– oggetti che vi elencherò accanto ai versetti.
– numeri stampabili per numerare le uova.




Leggi anche:
Quaresima e quarantena: c’è tanto per cui continuare a dire grazie!

Procedimento:

Colorate con le tempere i cartoni delle uova, scegliete voi quello che preferite, a noi erano rimasti solo il giallo, rosso e blu, per cui ho optato per giallo e rosso.
Mentre asciuga preparate i versetti e gli oggetti da inserire nelle uova (o contenitori simili);
Ci sono varie versioni, ovvero tanti versetti diversi con annessi oggetti da poter combinare tra loro per cui ogni anno si può modificare o aggiornare a piacimento, questa è la versione che ho scelto per quest’anno.

Uovo 1: Matteo 26,39; oggetto: una coppa piccola (rubata alle barbie)
Uovo 2: Matteo 26, 14-15; oggetto: 3 monete (da 1 cent.)
Uovo 3: Matteo  27,1-2; oggetto: della corda con un nodo
Uovo 4: Matteo 27,24-26; oggetto: un pezzetto di sapone
Uovo 5: Matteo27,28-30; oggetto: pezzetto di stoffa o carta rossa
Uovo 6: Matteo 27,31-32; oggetto: una piccola croce di legno e un chiodo.(l’ho realizzata al momento con degli stuzzicadenti e del filo)
Uovo 7: Matteo 27, 35; oggetto: dei dadi
Uovo 8: Matteo 27, 50-51, 54; oggetto: un sacchetto con della terra
Uovo 9: Matteo 27, 57-59; oggetto: un pezzetto di stoffa o lino bianco
Uovo 10: Matteo 27,60, 65-66; oggetto: una piccola pietra
Uovo 11: Luca 24, 1-3; oggetto: un sacchetto con delle spezie. (ho messo chiodi di garofano e zenzero)
Uovo 12: Matteo 28,6; oggetto: vuoto… come il sepolcro.

RESURRECTION EGGS
Stile di vita di una folel donne cattolica

Una volta preparato tutto, inserite foglietto e oggetto nell’uovo (o similari), numerate e abbellite la scatola esterna come più preferite.

Come ho detto all’inizio, è possibile utilizzare queste 12 uova per raccontare ogni giorno una piccola parte della storia per cui come un calendario dell’avvento ma pasquale.
Un’alternativa è quella di aprire le uova nella settimana Santa partendo dalla domenica delle palme; in questo caso sarebbe utile mettere nel primo uovo il versetto della domenica delle Palme, in cui c’è l’entrata di Gesù, con una rametto di ulivo, il resto può restare invariato rispetto a sopra.
Altra alternativa, aprire parte delle uova durante la giornata del Venerdi Santo e le successive il sabato e la domenica.
Oppure aprirle tutto in una volta raccontando tutto aprendo le uova una per volta.
Ho letto anche di una caccia al tesoro ma in questo caso preferisco mantenere la tradizione di farla a pasquetta con gli ovetti di cioccolato.
Direi che di alternative ce ne sono, dovete solo trovare quella che preferite e sbizzarrirvi.
Il prossimo anno provvederò anche a preparare dei file stampabili, da allegare qui, per questa volta ho avuto poco tempo per farlo per cui ho optato per scrivere tutto a mano.
Spero possa esservi utile, vi anticipo che nei prossimi giorni arriverà anche un post con alcune indicazioni per vivere al meglio la settimana Santa a casa.
A presto!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA STILE DI VITA DI UNA FOLLE DONNA CATTOLICA

Tags:
bambinipasqua
Top 10
See More