Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconStorie
line break icon

La madre del Servizio Sanitario Nazionale? Tina Anselmi

Lucandrea Massaro - pubblicato il 31/03/20

Donna cattolica, partigiana, membro della direzione nazionale della DC si batté per una sanità di tutti e per tutti

Proprio mentre dall’altra parte dell’Atlantico, gli Stati Uniti si apprestano ad affrontare la prima pandemia dell’epoca contemporanea almeno 25 milioni di persone senza un accesso garantito alla sanità e chissà quante altre con un accesso solo parziale, dobbiamo riconoscere che – pur con tutti i difetti – avere un Sistema Sanitario Nazionale universale e gratuito, che non ti chiede indietro i soldi e sopratutto non lo fa prima di un trattamento sanitario, è davvero una fortuna incredibile. In un mondo interconnesso le pandemie – andrà ricordato – non sono un fatto incidentale, e molto probabilmente saranno la regola, speriamo rara, ma sappiamo che non sarà un caso isolato. Non lo fu la “Spagnola” e non lo – tra gli altri – l’HIV anche se con modalità molto diverse di diffusione e trasmissione. Ebbene se in Italia abbiamo un sistema così ben fatto e così diffuso (al netto del definanziamento e dei tagli effettuati negli anni, specie recenti) lo dobbiamo ad una “madre della Repubblica” come Tina Anselmi (1927 – 2016). Un personaggio che meriterebbe una riscoperta, il cui impegno a favore dei lavoratori e del popolo si è inserito in tutta la sua vita politica, come sindacalista prima e poi come deputata, sottosegretaria e infine ministro.

 la partigiana “Gabriella”, dal 1944 iscritta alla Democrazia cristiana. La sindacalista attentissima alla condizione femminile. La deputata (1968–1992) e la prima donna ministro (1976) in Italia. La presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla loggia P2 (1981–1984). Soprattutto, il ministro della Sanità grazie alla cui “ferma determinazione” – così l’8 marzo 2018 il presidente Mattarella – il 23 dicembre 1978 nacque il Servizio sanitario nazionale. Tributi sinceri, ma forse tardivi verso una donna tutta d’un pezzo, non manovrabile (furono i colleghi a soprannominarla “Tina vagante”), amica della Iotti e di Pertini, ma ai tempi della Commissione P2 ostacolata da fuori e da dentro il suo partito, che alla fine la mise cinicamente da parte (Avvenire).

La Anselmi è stata anche colei che – controvoglia, dopo una lunga battaglia parlamentare che l’aveva vista votare contro – dovette firmare la legge sull’aborto, ma anche quella della Legge Basaglia sui manicomi e prima ancora quella dell’equo compenso tra uomo e donna nel 1977. Partigiana, sindacalista, donna di partito e donna delle istituzioni repubblicane, donna cristiana che ha voluto mettere la cura della persona al centro della sua azione. Se tanti oggi sopravviveranno al Covid-19 forse lo devono anche un po’ a lei.

Tags:
cattolici in politicatina anselmi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni