Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
For Her

L'allattamento previene le allergie: e se manca il latte?

Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 31/03/20

L'allattamento è uno strumento importante per prevenire le allergie, ma se manca il latte materno si può ricorrere ai prodotti idrolisati

L’allattamento è uno dei determinanti più importanti per la salute e il benessere del bambino e della madre. I benefici dell’allattamento materno esclusivo sul corretto sviluppo del bambino e sulla prevenzione di numerose malattie, comprese le allergie, sono da tempo riconosciuti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il trattamento delle malattie allergiche è spesso complesso e difficile. Pertanto, la prevenzione nei bambini a rischio è la strada di gran lunga preferibile. II rischio atopico è definito in base alla familiarità allergica, ed è sufficiente anche un solo genitore o un fratello allergico perché il lattante sia a rischio atopico. Sebbene non vi sia consenso unanime, le strategie di prevenzione delle allergie mirano generalmente a evitare o ridurre la sensibilizzazione con allergeni alimentari, e questo durante l’infanzia si ottiene nutrendo il bambino solo con latte materno.

Cosa fare se non si può allattare?

Tuttavia, quando i bambini sono a rischio di sviluppare allergie alle proteine del latte vaccino e non possono essere allattati, si raccomandano prodotti idrolisati. Si tratta di prodotti che l’industria prepara a partire dal latte vaccino, anzitutto allo scopo di renderne la composizione il più vicina possibile a quella del latte materno. Questi prodotti vengono generalmente chiamati “formule artificiali”. Per ridurre la capacità del latte vaccino di indurre allergia, il latte viene sottoposto a idrolisi che provoca una frammentazione delle proteine, che sono le componenti del latte che possono agire da allergeni e causare manifestazioni allergiche. Trattando il latte con enzimi come la pepsina o la tripsina, e con il calore e l’ultrafiltrazione, le proteine vengono idrolisate, vale a dire ridotte a frammenti molto piccoli che sono assai meno in grado di provocare allergia rispetto alla proteina integra. A seconda del grado di frammentazione delle proteine, le formule idrolisate possono venir distinte in idrolisati spinti (o idrolisati estensivi) e in idrolisati parziali. I primi sono stati sottoposti a una idrolisi molto energica che riduce le proteine a frammenti estremamente piccoli, mentre gli idrolisati parziali vengono sottoposti ad un procedimento più blando che riduce, ma non di molto, le dimensioni delle proteine.




Leggi anche:
Il latte materno riduce il rischio allergie!

Alimentare con formule idrolisate i neonati e i lattanti a rischio di allergia che non possono beneficiare dell’allattamento materno è stata la prima strategia per la prevenzione delle allergie. Valutando le preferenze dei genitori e tenendo conto del gusto più o meno gradevole e dei costi delle formule idrolisate, vengono a crearsi due scenari possibili:
• Se il lattante ha uno solo dei genitori allergico e ha quindi un rischio di sviluppare allergia del 30%, in mancanza di latte materno è bene proporre una formula idrolisata parziale. Questa, avendo un gusto gradevole ed un costo vicino a quello dei comuni latti formulati, garantisce maggiormente la costanza dell’assunzione e quindi della prevenzione.
• Se il lattante ha tutti e due i genitori allergici o un fratellino con grave allergia alle proteine del latte vaccino e se le condizioni economiche lo consentono, è ragionevole proporre una formula idrolisata estensiva, che assicura una maggiore protezione.

Naturalmente questo è solo una parte del lavoro per la prevenzione delle allergie. L’impiego delle formule idrolisate assicura una protezione contro l’allergia alle proteine del latte che raggiunge al massimo il 50% dei bambini sottoposti a questa dieta (un risultato tutt’altro che trascurabile). Altri strumenti comprendono l’impiego di alcuni componenti, come i probiotici, i pre- biotici, gli LC-PUFA, alcune vitamine, gli antiossidanti come possibile integrazione per gli interventi preventivi del futuro. Questi elementi attivi potrebbero aiutarci ad ottenere una prevenzione dell’allergia alimentare non limitata alle proteine del latte.

QUI IL LINK AL MAGAZINE MULTIMEDIALE A SCUOLA DI SALUTE A CURA DEL BAMBIN GESU’

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
allattamentobambinisalute
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni