Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Niente sarà come prima ma le Tue parole, Signore, non passeranno

POPE URBI ET ORBI
Condividi

Niente sarà come prima. E’ un bombardamento mediatico: ci prospettano scenari e futuro già compromessi, l’economia e il lavoro; e già laceranti lamenti, dopo la perdita di persone a noi care; il vuoto ci sovrasta e dopo un inno o un canto nei balconi, le iniziative di solidarietà non possono e devono crearci il vuoto esistenziale. Gli analisti del tempo e dello spazio sono già immersi nei calcoli per una ripresa tardiva, ma rapida. Ma la fame arriva e il pane se manca può generare atti inconsulti. Che non possono e devono accadere se c’è e ci sarà una rete permanente che mi proietti nella e in una vita prospera, pur precaria.

Nessuno deve restare indietro e mentre i poveri aumentano, la disperazione diventa tempesta e quel non abbiate paura, io sono con Voi, forte si eleva per tutti noi.

Basta solo rileggere e meditare il Messaggio di Papa Francesco del 27 marzo a Piazza San Pietro: Era solo? No, lì c’era Gesù, sveglio, non più che dormiva a poppa, e la Vergine Maria, Sua Madre e nostra Madre “salute del popolo. Il Crocifisso è “vivo e vero!” nel pane disceso dal cielo. In adorazione, in preghiera: a Te, o Signore abbiamo affidato il dolore del mondo. In quel bacio ai piedi del Crocifisso, di Francesco, tutti i nostri baci e abbracci. Abbracciati da Lui, in Lui: cieli e terra passeranno, ma le mie parole non passeranno mai. Che verità commovente, lo stare tutti dentro la stessa barca. Tutti.

Ogni emergenza ha risposte attuative, anche graduali, e il superamento, pur atteso, si compirà, ne usciremo da questa situazione. Ma per superare questo momento bisogna dare, ognuno il meglio di sé.

Per dare il meglio di sé ci vuole coraggio e gioia e per pensare al “non sarà come prima” richiede sacrificio per “combattere la buona battaglia” (Tm 6,12) e divenire sempre generativi di vita e di nuove avventure feconde di senso.

Il compito di ogni uomo, diversamente tradirebbe la sua stessa natura, è quella di sopravvivere e far vivere, escludendo a priori le teorie della selezione: vive il più sano e il più forte e neghiamo la vita ai deboli e agli scartati dello scarto.

Tutti abbiamo pari dignità e il diritto alla vita. Ciò comporterà un sacrificio anche piccolo ma ha la stessa forza di quelli che sono più impegnativi e grandi. Sacrifici e sofferenze, con il sostegno della grazia di Dio, possono essere sopportati. Chi non soffrirebbe per un mondo migliore.

Nulla sarà come prima? Come vivremo, dopo questa crisi pandemica dell’umanità: la comunione dei beni e l’uso degli stessi in forma privata? Il primato della destinazione universale dei beni e la denuncia profetica dell’accumulo di beni come idolatria ed ingiustizia? Lo scandalo intollerabile della povertà, la corruzione e la corsa sfrenata agli armamenti, le guerre fratricide e l’accesso ai beni essenziali per la vita, saranno superate? Chissà se un giorno non dovremo più morire per mancanza di posti letto o di un respiratore. Che la sanità sia per tutti e non per chi ha ricchezza. Chissà se la macchina del business per pochi permetterà la vita per tutti.

Ogni uomo giusto deve porre rimedio a questo scandalo che genera con una pandemia tanto panico e lacerante paura per la paura della morte nella tempesta della vita.

Papa Francesco, nel mirabile e storico Messaggio del 27 marzo per la preghiera per la fine della pandemia ha ricordato all’oceano di Popolo presente in Piazza con Lui : «Perché avete paura? Non avete ancora fede?». Signore, la tua Parola stasera ci colpisce e ci riguarda, tutti. In questo nostro mondo, che Tu ami più di noi, siamo andati avanti a tutta velocità, sentendoci forti e capaci in tutto. Avidi di guadagno, ci siamo lasciati assorbire dalle cose e frastornare dalla fretta. Non ci siamo fermati davanti ai tuoi richiami, non ci siamo ridestati di fronte a guerre e ingiustizie planetarie, non abbiamo ascoltato il grido dei poveri, e del nostro pianeta gravemente malato. Abbiamo proseguito imperterriti, pensando di rimanere sempre sani in un mondo malato. Ora, mentre stiamo in un mare agitato, ti imploriamo: “Svegliati Signore!”.

Niente sarà come prima ma le Tue parole, Signore, non passeranno e richiamano ancora una volta a guardare Te, a confidare in Te, a non disperderci in noi.

Una bambina in un messaggio mi ha scritto: “Ieri sera guardando il Papa mi colpiva non la sua solitudine, perché era con Gesù e la Madonna, ma il fatto che mi sentivo in quella piazza con il mio ombrellino, ad ascoltare un uomo vestito di bianco, come il mio fazzolettino per asciugarmi una lacrima. Ero commossa”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni