Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

6 ragioni per essere grati anche in questi momenti difficili

family
bbernard | Shutterstock
Condividi

Il mondo si sente in pericolo, ma si possono trovare speranza e conforto

Forse siete chiusi in casa in isolamento. Fors andate ancora a lavorare, perché avete un impiego che non si può svolgere in remoto. Potreste essere tra coloro che soffrono per la disoccupazione e cercano di andare avanti in questo incubo. Qualunque sia la vostra situazione, l’emergenza coronavirus ha cambiato radicalmente la vita come la conoscevamo finora.

I giorni e le settimane si susseguono senza che si riesca a individuare la fine della pandemia, ed è facile sentire che la speranza viene meno. In tutto questo caos, però, ci sono anche piccoli momenti di pace e gioia. Se ci pensiamo, c’è ancora molto di cui essere grati, e la gratitudine riesce a cambiare tutto.

Ecco qualcosa di cui tener conto…

1 Le comunità si stanno unendo

Un nemico comune unisce le persone, ed è il caso della comunità globale di fronte a questa piaga. Le celebrità si stanno unendo per leggere storie e raccogliere denaro per nutrire i bambini. La scrittrice Simcha Fisher ha offerto una splendida riflessione sulle cose buone e belle che stanno derivando da questa situazione:

“La gente si sta aiutando. I genitori che stanno a casa prendono i figli di quelli che ancora lavorano; la gente sta mettendo pentole piene di cibo alla porta dei vicini in quarantena; ristoranti e camioncini consegnano gratuitamente il cibo ai bambini tagliati fuori dai programmi dei pasti scolastici. La gente sta usando i social media per creare un collegamento tra chi può uscire e chi no, e quindi nessuno è abbandonato. Molte compagnie idriche ed energetiche stanno sospendendo gli avvisi di interruzione di servizio; i padroni di casa stanno evitando di riscuotere gli affitti, mentre gli affittuari cercano di sopravvivere senza lo stipendio; vengono offerti gratuitamente degli alloggi agli studenti le cui università hanno chiuso i battenti; alcuni provider di Internet offrono servizi gratuiti di modo che tutti possano rimanere collegati; i giocatori di basket stanno donando parte del loro stipendio per pagare i salari dei lavoratori dei settori in cui si è tutto fermato; la gente sta cercando cibi difficili da reperire per amici che hanno diete con molte restrizioni. Ho visto perfino cittadini anziani offrirsi di pagare l’affitto per degli estranei semplicemente perché ce n’è bisogno. Nei quartieri di tutto il mondo, le famiglie fanno ciò che possono per aiutarsi, ed è una testimonianza che scalda il cuore e dona speranza”.

2 Molte famiglie stanno riuscendo a trascorrere più tempo insieme

Nel turbinio della vita quotidiana, tra lavoro, scuola, attività extracurricolari e compiti domestici, può essere difficile trovare del tempo da trascorrere tranquillamente con i propri familiari. In questa occasione, molte famiglie stanno apprezzando la possibilità di farlo.

FAMILY
Shutterstock | David Prado Perucha

Ovviamente le discussioni sono inevitabili, ma possono anche essere un’opportunità per risolvere i problemi e migliorare la comunicazione (soprattutto se si incoraggiano i bambini a risolvere i loro problemi insieme!)

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni