Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 15 Ottobre |
Santa Teresa d'Avila
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

5 cose da fare nei giorni dopo il termine!

PREGNANCY,

Nastyaofly | Shutterstock

Il Parto Positivo - pubblicato il 27/03/20

Gli ultimi giorni di gravidanza sono fatti apposta per farti allenare una grande risorsa della maternità: la pazienza. E la fiducia in te stessa e nel tuo bambino.

E così il famigerato “termine” è arrivato. La data presunta (che infatti si chiama PRESUNTA) è arrivata e, nella stragrande maggioranza dei casi, è anche passata.

Solo il 4% dei bambini nasce il giorno del termine, una piccola percentuale per vari motivi nasce prima, la stragrande maggioranza di noi arriva allo scadere delle famigerate, convenzionali, 40 settimane e… lì rimane. Con la sua pancia, le sue inquietudini, l’orda di sms e telefonate di “ma non è ancora nato??”. E un incalzare più o meno inconscio di “devo fare qualcosa!”. Allora cosa possiamo fare davvero allo scadere della 40esima settimana?

1) Per prima cosa, ricordarci che la gravidanza umana è fisiologica tra 37 e 42. Il termine, la scadenza…non solo sono parole orrende, soprattutto quando riferite a una vita che inizia, ma anche pura convenzione. E anche un po’ un modo per contenere l’ansia e riportare una cosa sfumata e spaventosa come il diventare genitori nei confini controllabili delle coordinate spazio temporali. Quindi, se proprio non siamo riuscite a buttare il calendario prima (anche se noi ve lo avevamo già consigliato qui), buttiamolo adesso. Accettiamo con gratitudine i controlli, ma senza guardare il calendario.

2) Il travaglio per partire ha bisogno di due cose. La prima la fa nostro figlio: è lui che rilascia una proteina collegata al funzionamento polmonare e informa il sistema della madre di essere pronto a uscire. Su questa ovviamente, possiamo fare poco. Ma ricordarcene è importante, soprattutto quando si inizia a parlare di scollamento delle membrane. Perché quel piccolo cosino che abbiamo creato dal nulla è meno passivo di quanto sembri!


PREGNANT, PREGNANCY,

Leggi anche:
Il parto è il nostro primo atto da mamme: non deleghiamo come affrontarlo!

3) La seconda è biochimica, e dipende molto da noi: il travaglio per partire ha bisogno di tutti gli ormoni della calma e dell’amore che possediamo. Nessun travaglio al mondo può partire se noi siamo tese e preoccupate (per la questione delle tigri dai denti a sciabola). L’idea che nostro figlio possa davvero essere in ritardo fa parte delle cose ad alto potenziale di adrenalina. Rilassarsi e godersi questi giorni non solo è più piacevole, ma è anche biochimicamente più potente.

4) Ci dicono tutti che dobbiamo camminare, muoverci, fare le scale ecc… Ma attenzione, persino Michel Odent recentemente ha detto di smettere di dire alle donne di camminare! Una passeggiata gradevole e piacevole, infatti, va benissimo. Ma quelle specie di marce militari con piglio da conquistatore che ci troviamo a fare pensando “deve nascere, deve nascere” hanno l’effetto esattamente contrario. Quindi muoversi sì, ma con il gusto e il piacere di farlo.

5) Ci sono cose che oggi ti sembrano normalissime, che si trasformeranno in lussi rari ed estremi – o operazioni ad alta densità di pianificazione – non appena il tuo bambino sarà nato. Andare al cinema (soprattutto se più avanti dovrai triplicare il costo del biglietto pagando una tata); stare seduta sul divano a leggerti un libro; passare del tempo a giocare da sola con il tuo bambino più grande; improvvisare un’uscita a cena con tuo marito o un’amica; restare a letto la domenica mattina. Hai passato il termine? Ti hanno appena regalato qualche giorno di vacanza bonus. Approfittane!

La tentazione di cedere alla pressione, alla paura, all’incalzare di nonne, suocere e vicine potrebbe farsi sentire. Il cervello inizia a mettersi in modalità travaglio, a detrimento della nostra razionalità e potrebbe insinuarsi una subdola voglia di lasciar fare ad altri. La prospettiva di un’induzione potrebbe iniziare ad assumere contorni rassicuranti o promettenti ed è il caso di ricordare che l’OMS raccomanda di farvi ricorso solo in caso di reale necessità medica.


LABOR, PREGNANT, HOSPITAL

Leggi anche:
6 cose da sapere per essere ben informate sull’induzione del parto

Lì dentro il tuo bambino sente tutto, soprattutto le tue emozioni. Sono gli ultimi giorni in cui puoi avere un impatto così forte, immediato e diretto sul suo e sul tuo benessere.

Gli ultimi giorni di gravidanza sono fatti apposta per farti allenare una grande risorsa della maternità: la pazienza.

E la fiducia in te stessa e nel tuo bambino.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA IL PARTO POSITIVO

Tags:
partopartorire
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
4
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
5
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni