Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le nostre ferite nascoste, come quella sulla spalla di Cristo (e di Padre Pio)

web2-marie-cross-godong.jpg
La Passion du Christ.
Condividi

Il mistero della sofferenza che il corpo respinge e l’anima vuole. Ma solo nel mistero di Gesù che l’ha resa fonte di salvezza per le anime.

Le ferite si vedono, sanguinano, bruciano e ci spingono a chiedere aiuto.
Lasciano cicatrici visibili e di tanto in tanto le usiamo per nascondere la responsabilità di ciò che non riusciamo o non possiamo fare: dalla causa, alla scusa!
Sarà per la loro invadenza che crediamo di sapere sempre tutto sulle cicatrici di chi ci sta intorno, soprattutto di quelli che amiamo.
Siamo certi delle cause e delle conseguenze di ogni ferita che portano i nostri genitori, per non parlare di quelle di fratelli e sorelle. I nostri amici se ci dessero retta, avrebbero solo segni sbiaditi addosso, perché noi sì, noi sappiamo come avrebbero dovuto curare quella ferita.
Supponiamo ad esempio di poter vedere il dolore di Gesù.
Non solo lo supponiamo, ma ne siamo sempre stati certi: le piaghe di Gesù sono cinque.
Ce lo ripetiamo dal catechismo e lo vediamo tutti i giorni al crocifisso, le veneriamo fin da piccoli.
E se invece qualcosa ci fosse sfuggito?
Se le piaghe non fossero cinque ma sei?

Bernard de Fontaine, in latino Bernardus Claravallensis, ed italianizzato per gli amici “Bernardo di Chiaravalle”,doctor&father della chiesa (mica uno così eh), rivelò di aver chiesto a Gesù stesso quale piaga avesse inflitto più dorore.

Gesù rispose che il dolore più atroce era sconosciuto agli uomini e rimasto dimenticato dalla tradizione: il duro legno della croce, che gravò sulla sua spalla durante tutto il tragitto verso il Calvario (quasi 5 km), si insinuò tra la carne della spalla, lacerandola ed andando a scavare una piaga profonda fino all’osso.
Secondo la tradizione Gesù stesso chiese poi a San Bernardo di venerare ed onorare questa piaga dimenticata, promettendo ad ogni fedele qualunque grazia richiesta, in virtù di questa piaga. A tutti quelli che per amore di questa piaga reciteranno tre Pater, tre Ave e tre Gloria al giorno, Lui perdonerà i peccati veniali dimenticando quelli mortali, lasciando che Maria li assista nella morte, riversando grazia e la misericordia.
Ora, questa è la memoria che i fedeli hanno tramandato da San Bernardo fino ad oggi, nella tradizione e nella devozione di questa sacra ferita dimenticata.
Anche avvicinandoci ai giorni nostri, questa tradizione non è stata dimenticata!
La testimonianza più vicina, nella storia della piaga dimenticata, ci è infatti pervenuta per il mistero delle stimmate di San Pio da Pietralcina.
Sembra il fatti che il frate rivelò di questo suo dolore nascosto ad un giovane prete polacco: Karol Wojtyla.
Il futuro papa, nel domandare a Padre Pio quale fosse il dolore più forte, aspettandosi in risposta la ferita del costato, fu sorpreso della risposta di fra Pio, che indicò come ferita più dolorosa, la piaga nella sua spalla, di cui nessuno era a conoscenza, visto che Padre Pio non era solito parlare delle stimmate (fatta eccezione per lo sconosciuto prete polacco, al quale tra l’altro rivelo il pontificato!).

Amico intimo di Pio, nonché suo figlio spirituale, a Fra’ Modestino da Pietrelcina aveva confessato che provava un dolore acuto quando si doveva cambiare la maglia (facendo pensare a Modestino al dolore di dover staccare la maglia dalla ferita del costato).
Modestino invece si rese conto del significato nascosto di quella frase soltanto riordinando, per incarico del padre guardiano, il vestiario del santo, dopo tre anni dalla sua morte (che scusate, ma 3 anni per sistemare sembrano tanto anche ad una procrastinatrice compulsiva come me!). Modestino si accorse che la maglia di Pio aveva una vasta macchia all’altezza della spalla destra, vicino alla clavicola, dal diametro di circa dieci centimetri non così diversa da quella sulla Sindone!).
A togliersi la maglia il dolore doveva essere veramente acuto se la piaga era viva e le ossa fossero ancora rotte, non si sa però se le fratture siano state riscontrate sullo scheletro di Padre Pio.
Dalle analisi condotte sulle spalle dell’Uomo della Sindone invece è evidente l’ampia ecchimosi a livello della scapola sinistra, con un’altra ferita sulla spalla destra, che si possono attribuire al trasporto del patibulum, la trave orizzontale della croce. Nel Santo Telo, le spalle dell’Uomo dei dolori appaiono sollevate ed anche questa disposizione è correlabile al trasporto della trave, le impronte delle ferite mostrano inoltre che il legno scivolava sulle spalle, producendo gravissime escoriazioni.
Al di là di queste analisi, che non penso siano state a conoscenza del nostro Fra Modestino, l’amico di Padre Pio continuava, dopo la sua scoperta, a chiedersi dell’esistenza reale di questa ferita sulla passione di Gesù.
Così ci lasciò questa sua testimonianza:

Un‘importan­te conferma mi venne dallo stesso Pa­dre Pio. A sera, prima di addormentar­mi, feci a lui, con tanta fede, questa preghiera: “Caro Padre, se tu avevi veramente la piaga alla spalla, dam­mene un segno”. Mi addormentai. Ma, esattamente all’una e cinque minuti di quella notte, mentre dormivo tranquil­lamente, un improvviso, acuto dolore alla spalla mi fece svegliare. Era come se qualcuno, con un coltello mi avesse scarnito l’osso della clavicola. Se quel dolore fosse durato qualche minuto ancora, penso che sarei morto. Con­temporaneamente sentii una voce che mi diceva: “Così ho sofferto io!”. Un intenso profumo mi avvolse e riempì tutta la mia cella. Sentii il cuore tra­boccante di amor di Dio. Provai anco­ra una strana sensazione: l’essere sta­to privato di quella insopportabile sof­ferenza mi era ancora più penoso. Il corpo voleva respingerla ma l’anima, inspiegabilmente, la desiderava. Era dolorosissima e dolce insieme. Ormai avevo capito!

 

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.