Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Doti per le ragazze nubili nel giorno dell’Annunciazione

Condividi

Un rito curioso che si celebrava nella basilica di Santa Maria Sopra Minerva a Roma

Il 25 marzo, a Roma si celebrava in passato un rito molto curioso.

Nel giorno dell’Annunciazione, nella basilica di Santa Maria Sopra Minerva aveva luogo una celebrazione con grande pompa pontificia per offrire una dote alle ragazze nubili povere della città, che a causa delle scarse risorse economiche avevano difficoltà a trovare marito.

Queste celebrazioni si sono svolte dal XV al XIX secolo. La chiesa veniva decorata con luci, tappeti e festoni di frutta e verdura, e il “Rito delle nubili” doveva essere presieduto dal Papa stesso, che arrivava sul posto con una sontuosa processione.

Durante la celebrazione con la Messa solenne, le ragazze entravano in chiesa a due a due, con una candela in mano e un velo che lasciava vedere solo gli occhi. Erano chiamate “le amanti”.

Dopo essere arrivate ed essersi genuflesse davanti al Papa, ricevevano una borsa di seta contenente 50 scudi per quelle che avevano intenzione di trovarsi un marito e 100 scudi per chi desiderava entrare in convento.

Questo rituale era così importante che nel 1460 il cardinale Juan de Torquemada (zio dell’inquisitore Tomás de Torquemada) fondò un’arciconfraternita composta da 200 cittadini romani col proposito di fare la carità alle nubili povere.

Perché era tanto importante far loro la carità? Perché all’epoca le donne giovani senza risorse finivano spesso per dedicarsi alla prostituzione.

Ogni anno si potevano iscrivere 15 ragazze. L’arciconfraternita dell’Annunciazione, come si chiamava, prendeva in considerazione ogni caso, e dopo un’indagine rigorosa si decideva chi era degna di ricevere la dote.

Ancora oggi nella basilica si può vedere un bellissimo quadro di Antoniazzo Romano che testimonia questa antica tradizione.

Nel dipinto si vede l’arcangelo Gabriele che annuncia il concepimento verginale di Gesù, mentre Maria è impegnata a consegnare la dote ad alcune ragazze vestite di bianco che le vengono presentate dal cardinal Torquemada.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.