Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Coronavirus, esposizione straordinaria del Sacro Corporale ad Orvieto

Creative Commons
ORVIETO E BOLSENA - 1263. Jesus pediu à beata Juliana de Cornillon a introdução da festa do Corpus Christi no calendário litúrgico. O padre Pedro de Praga celebrou missa na cripta de S. Cristina, em Bolsena, onde ocorreu o milagre: a hóstia consagrada sangrou no corporal… O papa Urbano IV residia em Orvieto e ordenou levar as relíquias para lá. Ele determinou que na quinta-feira após a oitava de Pentecostes seria celebrada a festa do Corpo do Senhor. São Tomás de Aquino foi encarregado de compor o ofício da celebração.
Condividi

Si tratta del panno di lino su cui sono deposte tracce di sangue, fuoriuscite dall’ostia del Miracolo di Bolsena. Si trova nel celebre duomo della cittadina umbra

Domenica 22 marzo il Vescovo di Orvieto Todi, Benedetto Tuzia, reggente fino all’insediamento del nuovo Vescovo Gualtiero Sigismondi, appena nominato da papa Francesco, ha celebrato l’Eucarestia ed esposto il Sacro Corporale, in via straordinaria, visibile anche in streaming, per il grave momento che sta vivendo tutta l’umanità a causa della diffusione del coronavirus.

Il Sacro Corporale è il panno di lino su cui sono schizzate delle gocce di sangue fuoriuscite dall’ostia, durante il cosiddetto Miracolo di Bolsena.

© Pavel.satrapa
Il Duomo di Orvieto.

Il miracolo eucaristico

Come narra una sacra rappresentazione della prima metà del XIV secolo e la conseguente tradizione popolare, nell’estate del 1263 un prete boemo, tormentato dal dubbio circa la presenza del corpo e del sangue di Cristo nell’ostia consacrata, si recò in pellegrinaggio a Roma per rafforzare la sua fede.

Il trasferimento da Bolsena a Orvieto

Sulla via del ritorno, fermatosi a Bolsena per celebrare la messa sull’altare della Basilica di Santa Cristina, al momento della consacrazione vide stillare dall’ostia spezzata alcune gocce di sangue, che bagnarono il panno di lino usato nelle funzioni, il Corporale. Appresa la notizia del prodigio, papa Urbano IV, che dal 1262 risiedeva a Orvieto, inviò a Bolsena il vescovo della città per condurre nella Chiesa di Santa Maria la reliquia del sacro lino che, accolta dal pontefice sul ponte di Rio Chiaro, fu accompagnata fino alla meta da una solenne processione.

La cattedrale allora esistente sembrò alla cittadinanza orvietana troppo modesta per custodire una reliquia così preziosa, tanto che si decise di edificare un nuovo edificio religioso, adeguato a un così grande miracolo quanto a splendore e magnificenza.

CORPORAL OF BOLSENA
Steve Moses|Flickr|CC BY 2.0

“Le chiediamo di esporlo fino alla fine dell’emergenza”

«Eccellenza Reverendissima – scrive l’associazione Orvieto Città del Corpus Domini in un messaggio via WhatsApp al Vescovo – Grazie per aver voluto concedere al mondo la possibilità di venerare, anche se solo con la Vista, dalle nostre case, le reliquie prodigiose del Miracolo di Bolsena, nel Santuario Eucaristico del SS. Corporale che la basilica cattedrale (…) custodisce da tanti secoli. Orvieto Città del Corpus Domini si fa voce dei fedeli per chiederLe di esporre all’adorazione perpetua il Santissimo e di mantenere aperto, ovviamente negli orari previsti, non soltanto oggi ma per tutto il durare dell’emergenza, il tabernacolo con il reliquiario».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni