Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Due minuti per dare la comunione”. La corsa contro il tempo (e il coronavirus) del prete del Sacco

JULIAN LOZANO
Gentileza
Sono numerosi i preti che negli ospedali stanno provando a dare conforto ai tanti ricoverati per Covid-19.
Condividi

All’ospedale di Milano specializzato nelle malattie infettive, Don Giovanni Musazzi è una presenza importante per ammalati e medici. “Mi chiedono: non smettere di venire”

«A un cappellano viene chiesto di fare il cappellano. Sono un ospite che testimonia con la sua presenza che Dio c’è». Don Giovanni Musazzi è il volto della misericordia di Dio nelle corsie dell’Ospedale “Luigi Sacco” di Milano, impegnato in prima linea contro il coronavirus.

«La presenza è il punto di partenza» per instaurare un dialogo con i medici e con i pazienti. Sul camice usa e getta scrive di volta in volta, con il pennarello, la parola “prete(La Stampa, 24 marzo)..

CORONAVIRUS
Shutterstock | areetham

La donna non cattolica che si è messa a piangere

«Visito i pazienti Covid». A volte si deve limitare a una benedizione attraverso il vetro. «Ma sono entrato con le protezioni necessarie, anche in alcune stanze», evidenzia Don Giovanni. 

«Una signora con la polmonite quando mi ha visto – racconta il sacerdote della Fraternità San Carlo – si è messa a piangere, perché normalmente non possono ricevere visite. La sua compagna di stanza, cattolica ma non praticante, quando ha capito che ero un prete, si è commossa ed è scoppiata in lacrime».

PATRICK HERTZOG / AFP
Des unités de soins intensifs dans un hôpital militaire de campagne monté à Mulhouse, le 22 mars 2020.

Due minuti per la comunione e l’assoluzione

La malattia può degenerare in fretta. Ci sono alcuni pazienti che possono aggravarsi nell’arco di qualche ora. E così «molte persone desiderano confessarsi. Mi posso fermare due/tre minuti per la comunione e l’assoluzione generale. Non posso avvicinarmi. Faticano a parlare, ma sono molto felici di vedere un sacerdote e qualcuno che non è obbligato a restare lì».

“Alcuni non tornano neppure a casa”

In queste settimane l’ospedale Sacco ha tutti i reparti riconvertiti per accogliere i pazienti affetti da coronavirus. C’è la zona degli infettivi, con i malati più gravi, e quella degli isolamenti e delle quarantene. «Per fortuna che il personale è incredibile», dice il sacerdote.

«I turni sono di 12-13 ore, il giorno libero praticamente non esiste più, le ferie sono state revocate. Eppure nessuno si lamenta, c’è un grande senso del dovere e di abnegazione. Alcuni non tornano neanche a casa, per paura di infettare le famiglie, e dormono in albergo. Altri hanno allontanato i parenti perché il rischio di contagio è possibile. Altri ancora fanno appena a tempo a giocare un po’ con i figli, a dormire qualche ora e poi sono di nuovo qua all’alba» (Tempi, 18 marzo).

“Non smettete di venire”

La figura del cappellano (insieme a lui opera don Mauro Carnelli, un presbitero diocesano) ricopre un ruolo molto importante per tutto il personale sanitario. Don Giovanni ha un ottimo rapporto con i medici. E più di una persona, ogni giorno, gli raccomanda: «Non smettere di venire, perché abbiamo bisogno di vederti».

Le Messe nella piccola cappella dell’ospedale sono sospese. Dalle 8 alle 9 e dalle 11,30 alle 12,30 fa l’adorazione eucaristica, che diventa un punto di riferimento per tutti: «Chi passa, sa che lì c’è l’eucaristia. Arrivano, pregano ed escono».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.