Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Non andrà tutto bene, ma Dio è sempre con noi

Coronavirus
Condividi

La riflessione di don Giacomo Pavanello, parroco a Roma, della Comunità “Nuovi Orizzonti”

Sulla crisi provocata dal coronavirus, presentiamo tre spunti di riflessione di don Giacomo Pavanello, parroco della chiesa di San Giuseppe Cottolengo e responsabile dell’Area sensibilizzazione, evangelizzazione e prevenzione per l’Associazione Internazionale di fedeli “Nuovi Orizzonti”, fondata da Chiara Amirante.

 

* * * 

 

Il valore delle relazioni 

Vi confido che in questi giorni, in mezzo a tante domande, qualche lacrima di smarrimento, tanto silenzio, mi sono venuti agli occhi del cuore i vostri volti, più e più volte, ed è stata vera consolazione. Mi mettevo in cappellina a pregare e invece di venirmi in mente pensieri o idee, mi si affollavano i vostri nomi, le vostre vicende, le vostre speranze, paure, desideri,… era come se Dio non mi aiutasse dandomi idee o concetti, ma lo facesse regalandomi il gusto delle relazioni costruite in questi mesi. Dio è sapiente: conosce molto bene una profonda verità, visto che ci ha creati Lui. Noi non siamo consolati da brillanti idee o concetti. Le nostre paure e le nostre solitudini non vengono annullate da un ragionamento efficace. Ciò che realmente dona pace e serenità è la gioia di una relazione. È quando accanto a noi ci sono le persone importanti che allora sperimentiamo sentimenti di benessere spirituale ed esistenziale. C’è un modo diverso ora di manifestare la presenza e la vicinanza. Sant’Agostino direbbe che l’assenza è la nuova forma di presenza. Il vuoto che percepiamo è il modo attraverso cui capiamo quanto le nostre vite siano piene. E un virus potrà pure avere il potere di far ammalare alcuni di noi, ma non avrà il potere di rovinare o raffreddare le nostre amicizie.

Questo virus, come ogni occasione difficile della vita, se siamo capaci di viverlo come un’opportunità e non solo come una disgrazia, ci aiuterà a rinsaldare, a non sprecare più fiato, tempo, energie. Ci aiuterà a capire chi sono i veri amici; ci purificherà da convenienze e utilitarismi, ci farà uscire più forti di come ne siamo entrati!!! 

Tutto concorre al bene, per coloro che amano Dio

Scusate se mi permetto di dire un’altra cosa… non è vero che tutto andrà bene… Non ho il coraggio di dire questa frase ai miei amici del Nord Italia che sono intubati o lo sono stati nei giorni scorsi, né ai miei parenti di Vo’ Euganeo che hanno subito limitazioni ben più pesanti di noi, o ai miei amici preti della Lombardia che non hanno potuto accompagnare i morti del proprio paese celebrando un funerale dignitoso. Non è vero che tutto andrà bene… non per tutti almeno. È vera un’altra cosa, molto più potente della frase “andrà tutto bene”. È una frase di San Paolo (Lettera ai Romani cap. 8, versetto 28): “Tutto concorre al bene, per coloro che amano Dio”. Vi assicuro, è una frase molto più potente se entrate dentro ad essa con tutto voi stessi! Qualunque cosa possa accadere, fosse anche la più difficile da affrontare, non solo finirà bene, perché, anche nella peggiore delle ipotesi, il nostro destino è e rimane il Cielo, ma soprattutto servirà per il nostro bene! 

Impariamo a trasformare le difficoltà in opportunità. Ho volontariamente usato il verbo “trasformare”. Non si tratta solo di un vedere in modo diverso, tipo la storia del bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno. Si tratta proprio di operare una trasformazione!!! La nostra fede è potentissima!!! Giunge a trasfigurare ogni cosa. Ben vengano allora gli arcobaleni dei nostri bambini e ben venga tutto ciò che risponda alla speranza del “tutto andrà bene”. Ma non accontentiamoci: andiamo oltre, osiamo, corriamo verso un di più che stavolta è proprio a portata di mano. 

Siamo isolati, ma non abbandonati. 

Dio è con noi, per donarci il “come” vivere questa assurda e surreale situazione. Non ci vediamo, non ci incontriamo, ma ognuno di noi, chiuso nella propria abitazione può essere quella fiammella di speranza e di forza, anche perché sa che al piano inferiore, o al di là del muro, o nel palazzo accanto, ci sono altre persone che stanno compiendo la stessa scelta. Siamo chiamati a vivere. C’è bisogno di tutti e di ciascuno. Poco importa se la tua fede è un riflettore da Hollywood o un lumicino tremulo. Poco importa se la tua vita è quella di una Madre Badessa o se sia piena di contraddizioni e di lontananze da presunte morali o tradizioni. Ora ciò che conta è quanto ami, quanto stai riempiendo le tue giornate di presenze di amore, dato e ricevuto. Tutto il resto sta a zero…

Per chi lo desidera, in questo tempo di chiese chiuse, c’è la possibilità di seguire la S. Messa in diretta streaming sulla Pagina Pubblica Facebook “Parrocchia San Giuseppe Cottolengo ROMA”, dal lunedì al sabato alle ore 19.00 e la domenica alle ore 11.00.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.