Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cosa si può controllare e cosa no in materia di sessualità?

COUPLE
6. Priorizar el amor de la entrega recíproca

El hábito de gobernar el impulso sexual es posible solo si hay amor. La unión sexual debería ser la expresión de una entrega exclusiva de lo más íntimo. Cuando uno ama, todas las potencialidades de la afectividad y la sensualidad pueden ser explotadas al máximo.

Decirle al ser amado “te amo y amo todo lo tuyo” es una experiencia profundamente espiritual, emocional y psicológica. Cuando esto se pone primero en una relación y se reafirma en la vida cotidiana, se propicia el desarrollo de una confianza inquebrantable.

Condividi
di Daniel Torres Cox

In materia di sessualità sembrerebbe di non avere il controllo totale. Perché certe caratteristiche fisiche attirano di più una persona? Perché è tanto difficile smettere di provare qualcosa per qualcuno quando il rapporto è ormai terminato? Insomma, cosa si può controllare e cosa no in materia di sessualità?

1. Controllo diretto e controllo indiretto

chainarong06

Una cosa che può aiutare a capire come funzioniamo in questo ambito è la distinzione tra controllo diretto e controllo indiretto. Quando una persona vuole alzare una mano, semplicemente lo fa. Quando vuole camminare o correre, basta volerlo. Succede lo stesso con la parola, o con i movimenti che si fanno.

La cosa comune a tutti questi ambiti è che dipendono dall’esercizio della nostra libertà: siamo noi a scegliere come e quando azionarli. È quello che viene chiamato “controllo diretto”. Ma ci sono anche vari ambiti in cui non funzioniamo così.

Ad esempio, una persona non può arrabbiarsi, rallegrarsi o provare pena in modo volontario. Se ci si vuole arrabbiare, bisogna pensare a qualcosa che dà fastidio – controllo diretto –, e solo come conseguenza di questo pensiero arriva la rabbia – controllo indiretto.

La rabbia si controlla in modo non diretto, ma indiretto. L’aspetto interessante è che quello che accade con la rabbia si verifica anche con tutti gli altri sentimenti – inclusi quelli legati all’amore -, e anche con l’attrazione fisica.

2. Controllo indiretto in materia di sessualità

COUPLE, HAPPY, KISS
Rawpixel.com | Shutterstock

Quando si parla del controllo indiretto in materia di sessualità, si fa riferimento principalmente a due ambiti: quello dei sentimenti e quello dell’attrazione fisica, ambiti in cui si può arrivare ad avere esperienze molto intense, non soggette all’esercizio della libertà.

Ad esempio, si può vedere una persona in strada e provare una grande attrazione per il suo corpo pur non volendo, o quando si inizia a trascorrere del tempo con qualcuno che piace è naturale che i sentimenti nei confronti di quella persona diventino più intensi, per quanto si cerchi di lottare contro di loro.

Ciò non vuol dire che nell’ambito della sessualità non si possa esercitare alcun controllo. Anche se quello che una persona prova può condizionare l’esercizio della libertà, resta sempre un margine per la scelta. Per quanto una persona non possa controllare ciò che le accade, può controllare ciò che fa di fronte a quello che le succede.

Per questo, non è sbagliato provare le cose di cui abbiamo parlato. Quello che può essere invece sbagliato è ciò che si fa liberamente di fronte a quello che si prova. Ad esempio, che sembri attraente la fidanzata del proprio migliore amico non è sbagliato, perché non è una cosa che si scelga. Pensare deliberatamente a lei – aumentando così quello che si prova – o cercare di fare qualcosa per separarla dal proprio amico è un’altra storia. Chiara la differenza?

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.