Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconFor Her
line break icon

Dal tetto le suore fanno volare un rosario di palloncini: restiamo legati a Maria (VIDEO)

SUORE, ROSARIO, PALLONCINI

Terre marsicane | Youtube

Annalisa Teggi - pubblicato il 23/03/20

Le Apostole del Sacro Cuore di Gesù di Avezzano hanno realizzato un rosario di 21 metri da far volare sopra la loro chiesa: un gesto di speranza per far vedere a tutti che anche in isolamento Maria ci tiene uniti nel suo abbraccio.

Non mi vergogno a condividere un momento domestico accaduto la sera in cui abbiamo recitato il rosario in TV seguendo l’indicazione dei vescovi italiani: mentre tutti e tre i maschi di casa sono stati perfettamente diligenti, io e mia figlia ci siamo addormentate abbracciate sul divano a metà del secondo mistero. A differenza di altre volte, non è stata la noia o la stanchezza a prevalere, bensì un’insolita e «irresistibile» serenità. Sì, irresistibile; mi sono abbandonata come un bambino abbracciato dal papà o dalla mamma. Sono settimane che faccio fatica a dormire e ho molti incubi, credo di non essere la sola.


open door

Leggi anche:
Questa notte è come tutte le notti della nostra vita. Finisce nella luce di Cristo

Per la prima volta, ascoltando quel rosario, mi sono sentita protetta e non ho molte altre parole per descriverlo meglio. Ho mollato la presa e lasciato la mia zavorra; proprio io che attribuisco la mia insonnia cronica a una fede tiepida e alla poca fiducia che Dio sia al mio fianco. Il Rosario si è manifestato come la vera casa in cui voglio trascorrere la mia quarantena, più solido di muri di cemento armato e provvidenziale quanto il più solerte dei volontari.

All’inzio della quarantena mi ero fatta l’idea riduttiva che a causa di questo contagio la Chiesa avrebbe puntato tutto sulle potenzialità della comunicazione virtuale. Mi stupisce, mi rincuora e mi incoraggia notare che l’intraprendenza di preti, frati, suore e dei mille altri volti a noi familiari della chiesa siano capaci di una creatività che si fa presenza pur dando a Cesare quel che è di Cesare; rispettando fedelmente il rigore imposto dai decreti, è possibile per il popolo di Cristo continuare a portare la freschezza viva della Buona Novella. Si tratta anche di piccoli segni, e senza dubbio ci sarà la voce cinica che li addita come insensati, ma sono come la boccata d’aria buona o il sorso di acqua fresca che può donarti solo chi è certo, anche dentro i drammi più cupi, che la morte non ha l’ultima parola.

Dillo sui tetti

Il Vangelo ci ricorda di farci piccoli, di tornare bambini. E le Apostole del Sacro Cuore di Gesù di Avezzano (AQ) hanno avuto un’idea proprio infantile, nella miglior accezione possibile. Se c’è una cosa che i bambini adorano sono i pallonicini, chissà … forse proprio perché danno l’impressione che possa esserci un filo leggero che ci lega al Cielo. Queste suore abruzzesi hanno realizzato un enorme rosario fatto di palloncini e lo hanno fatto volare ieri sopra il tetto della loro chiesa:

Da ogni parte della città di Avezzano  si vede chiaramente un gigante Rosario composto da 70 palloncini colorati. 60 palloni azzurri compongono i grani principali, altri 10 compongono la croce e i grani del Padre nostro, per un’altezza di 21 metri. […] Così spiega Suor Carla Venditti: “Le persone della città, le persone attorno a noi ci avevano fatto capire in questi giorni di isolamento che avevano bisogno di un gesto di speranza. Così con le consorelle abbiamo realizzato un enorme Rosario, che è la nostra preghiera a Maria per chiederle il suo aiuto in questo momento di difficoltà”. (da Terre marsicane)

Il celeberrimo canto gospel suggeriva Go tell it on the mountains, perché una buona notizia deve essere annunciata in alto affinché tutti possano udirla. In tempi di quarantena ci sono precluse le montagne ma non i tetti. Nel breve video diffuso vediamo, in lontananza, gli abiti scuri delle suore che fanno volare questo rosario leggero agitato dal vento; in sottofondo esplodono le risate di alcuni bimbi, che i genitori mettono subito a tacere. Ma non erano fuori luogo; perché quando ci rivolgiamo a Maria siamo tutti bambini, suoi figli.


ROSARY, HANDS, PRAY,

Leggi anche:
Per spezzare la catena del Coronavirus preghiamo tutti insieme la corona del Rosario!

“Ma il Rosario sui tetti di Avezzano non è solo un segno o un gesto di semplice richiesta d’aiuto”, sottolinea, “è sopratutto un invito ad unirsi nel Signore. Noi trasmettiamo tutti i giorni la recita del Rosario su Facebook e centinaia di persone dalla mia pagina social, anche non necessariamente della città, ma da ogni parte d’Italia o del mondo, e pregano con noi grazie a questo importante mezzo digitale. Inoltre trasmettiamo l’adorazione, come la messa dal nostro istituto principale di Roma”. (Ibid)

A parlare è ancora suor Carla, ben nota in Abruzzo per essere impegnata a combattere sulle strade il racket della prostituzione. Ora la missione la riporta dentro le mura del convento, eppure anche stando chiusi si può arrivare lontano. Come solerti sentinelle, dal tetto le suore non hanno voluto regalare un momento di intrattenimento ma esporre un segno ben visibile a tutti di ciò che accade dentro la chiesa e può accadere dentro ogni casa: la preghiera è il filo che ci lega stretti al Cielo e la preghiera che sgrana un’Ave Maria dopo l’altra è quasi un cordone ombelicale con cui la nostra Mamma celeste ci tiene in vita qui e ora.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=HN9PU1Zca_o&w=560&h=315%5D

Tags:
coronavirussanto rosariosuore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni