Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Chi approfitta del Coronavirus: sette, guru e pseudoterapeuti

SECT
Shutterstock | snob
Condividi

La cosa più fastidiosa per i “complottari” è la verità

L’Organizzazione Mondiale della Sanità sta collaborando strettamente con esperti mondiali, Governi e associati per ampliare le conoscenze scientifiche sul nuovo virus, consigliando Paesi e individui sulle misure per proteggersi e prevenire la diffusione del Covid-19, mentre le autorità sanitarie dei Paesi colpiti stanno prendendo misure basate su prove scientifiche e i cittadini in generale hanno mostrato un volto positivo di solidarietà e responsabilità nei confronti del bene comune.

L’opzione dell’autoisolamento e del seguire le raccomandazioni nella crisi sta facendo emergere un volto di solidarietà e fraternità che non viene paralizzato dalla paura, ma ci impegna in gesti quotidiani con un atteggiamento di collaborazione responsabile. Non tutti, però, la vivono così, visto che tutti i gruppi, religiosi o meno, che si basano su discorsi apocalittici e alimentano teorie cospirative promuovono la paura e la ricerca di uscite irrazionali dalla crisi.

A questo si aggiunge l’innumerevole quantità di pseudoterapeuti e guru di moda che insegnano alla gente ricette “magiche” per non contagiarsi, sottovalutando la necessità di seguire le raccomandazioni sanitarie e seminando il sospetto sulle scienze biomediche.

Come in ogni epidemia, catastrofe naturale, crisi sociale o economica, appaiono le sette e i “profeti della fine del mondo”, che dicono “che era scritto” e che “questi sono i segni del fatto che la fine è vicina”.

Questi messaggi si possono ora amplificare attraverso le reti sociali, arrivando a un pubblico impensabile fino a pochi decenni fa. Menzioneremo brevemente le tendenze che si sono viste maggiormente in questi giorni: fondamentalisti biblici, paranoici delle cospirazioni e guru del pensiero magico.

Fondamentalisti biblici e false profezie

Certe Chiese neopentecostali in Brasile “ungevano” i fedeli con olio “consacrato da Gesù Cristo” che “immunizza contro il coronavirus” o invitavano a celebrazioni stile “Il potere di Dio contro il coronavirus”.

Altri gruppi hanno iniziato a riprendere testi biblici sulla fine dei tempi in cui si allude al fatto che sopraggiungeranno pestilenze, guerre, carestie e grandi terremoti. Ciò che è certo è che in ogni secolo abbiamo avuto qualche epidemia, più di una catastrofe naturale, guerre e fame.

Quando la gente è disperata e teme per un futuro incerto, però, appare la predica che interpreta il presente e i problemi anche non straordinari con le immagini simboliche e generiche con cui potrebbe interpretarsi qualsiasi calamità.

Qualunque cosa si può usare come simbolo per trovare delle coincidenze, e alcuni hanno attribuito quello che siamo vivendo a una profezia di Nostradamus. Anche nel campo dell’astrologia, alcuni pretendono di predire come andrà la situazione in base all’influenza dei pianeti, o dicono con presunte interpretazioni di calendari antichi che siamo vicino alla fine. In questi giorni si potrebbero collezionare profezie e annunci dell’arrivo del coronavirus.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.