Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
For Her

Il senso del corpo e della tensione erotica: un mistero che si spiega in Dio

LOVE

Bogdan Sonjachnyj - Shutterstock

Teologia del corpo and more - pubblicato il 20/03/20

La bellezza e la profondità del pensiero di San Giovanni Paolo II nella sua Teologia del corpo, letta da chi la vive.

“Ma che cos’è la teologia del corpo?” Questa domanda ci è stata posta un sacco di volte, e in molte occasioni ci ha costretto a re-interrogarci per non dare una risposta banale…

Un amico sacerdote una volta l’ha definita come “le catechesi di Giovanni Paolo II sul matrimonio”.

Certamente non è sbagliato, tant’è vero che essa costituisce il fondamento su cui si sono poggiati tutti i successivi documenti magisteriali sul sacramento del matrimonio da Familiaris Consortio ad Amoris Laetitia, ma sicuramente questa definizione non dice tutto. Credo che questa domanda necessiti di diversi livelli di risposta.

Penso sia un po’ come guardare ad una casa e chiedersi: “che cos’è questo edificio?”

Se lo chiedi a un passante ti dirà sinteticamente che si tratta di una abitazione, ovvero quattro mura e un tetto, due piani, alcune finestre e un giardino… Se poi è particolarmente sensibile al tema, forse inserirà anche qualche apprezzamento sulle finiture, ma certamente non andrà troppo oltre.

Se invece lo chiedi all’architetto che l’ha disegnata scoprirai dettagli inediti: ti racconterà delle idee e dei modelli che ha preso in considerazione, delle difficoltà realizzative che ha dovuto superare, delle soluzioni avveniristiche che il suo estro ha pensato. Potrai sicuramente cogliere la passione e l’orgoglio nascosti oltre le quattro mura in mattoni.

Infine se poni la stessa domanda a coloro che quella casa la abitano, vedrai emergere nuovi inaspettati risvolti. Ti racconteranno di come in quella casa hanno con fatica imparato ad amarsi, di come ogni stanza nasconda ricordi speciali, ti diranno delle serate di fronte al fuoco, delle notti insonni, delle litigate in cucina, delle pareti contro cui hanno pianto, dei volti delle persone che si sono sedute alla loro tavola.

Un’unica cosa eppure tre cose diverse. Una cosa che ne racchiude altre… Così, per certi versi, è anche la teologia del corpo.

Anche per gli insegnamenti di San Giovanni Paolo II possiamo riconoscere questi tre livelli adottando rispettivamente questi tre sguardi.

Per unosguardo passeggero la teologia del corpo non è che una raccolta di circa 130 catechesi sull’amore umano che papa Giovanni Paolo II ha consegnato al mondo attraverso le udienze generali del mercoledì dal settembre del 1979 al novembre del 1984.




Leggi anche:
Che cos’è l’erotismo secondo la Teologia del Corpo?

Se ci spostassimo per un istante dal punto di vista dell’autore, scopriremmo il profondo e sorprendente percorso che ha portato il grande papa polacco a partorire le sue riflessioni. Un percorso che germoglia fin dagli inizi del suo sacerdozio accanto ai giovani e alle famiglie nell’ambiente di Cracovia e passa per le macerie della rivoluzione sessuale, le violente reazioni ad Humanae Vitae e le tante sofferenze dell’uomo moderno che ha smarrito il senso della differenza sessuale.

Scopriremmo una trama inedita del suo lavoro composto in preghiera di fronte all’Eucarestia e che trova il suo cardine nella ferma certezza che “Cristo rivelando il mistero del Padre e del suo amore svela anche pienamente l’uomo a se stesso e gli manifesta la sua altissima vocazione”.  Intuiremmo forse la sfida racchiusa nel tradurre le sue dense riflessioni in brevi catechesi di venti minuti e rimarremmo attoniti di fronte al mistero dell’attentato del 13 maggio 1981 proprio nel mezzo delle suo progetto catechetico.

Questo e tanto altro potrebbe emergere guardando alla teologia del corpo dal punto di vista del suo autore, ma per andare ancora più a fondo occorre anche che la incontriamo insieme a chi la ‘abita’…  

Noi non siamo certamente gli unici, né i migliori, ma riconosciamo che l’esperienza che da alcuni anni facciamo insieme ad alcuni amici dell’equipe di approfondire e condividere le ricchezze di questi insegnamenti ha davvero fecondato la nostra vita.

Scorgere una risonanza profonda di queste riflessioni di Giovanni Paolo II nella propria esperienza di vita, nel proprio matrimonio, nel proprio sguardo sull’altro sesso…  Che bello poter decifrare il grido del proprio cuore assetato di pienezza e riconoscere che Cristo da sempre ascolta quel grido e desidera saziarlo. Che liberazione scoprire e riscoprire il senso del proprio essere corpo e della propria tensione erotica, osservando questo mistero dal principio fino alla sua prospettiva ultima e definitiva. Che meraviglia iniziare ad intuire la grandezza della chiamata al dono di sé, del senso del matrimonio, dell’unione sessuale, della castità, del celibato …




Leggi anche:
Che cos’è, davvero, il sesso? Un magnifico regalo di nozze di Dio per noi

Sono cose che non si prestano a brevi sintesi, ma possono rivelare qualcosa di che cos’è la teologia del corpo: un messaggio di redenzione, una buona notizia per la nostra vita, una straordinaria sintesi evangelica offerta a me e a te.

L’invito che facciamo a tutti noi quindi è quello di entrare sempre di più in questa prospettiva, di ‘abitare’ la teologia del corpo affinché possa essere lei a farsi conoscere dall’interno e non noi a volerla comprendere da osservatori esterni.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL BLOG TEOLOGIA DEL CORPO

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
teologia del corpo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni