Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 30 Novembre |
Sant'Andrea
home iconSpiritualità
line break icon

Per amare davvero i fratelli devi mettere al primo posto Dio

LOVE

Jeanette Dietl|Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 20/03/20

Quando mettiamo Dio al centro, quando ce lo mettiamo davvero, non per "dovere" o idolatria, allora tutto ritrova il suo equilibrio ed entra nella giusta prospettiva d'amore, soprattutto i nostri fratelli.

In quel tempo, si accostò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?».
Gesù rispose: «Il primo è: Ascolta, Israele. Il Signore Dio nostro è l’unico Signore; amerai dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza. E il secondo è questo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Non c’è altro comandamento più importante di questi». Allora lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità che Egli è unico e non v’è altri all’infuori di lui;
amarlo con tutto il cuore, con tutta la mente e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso val più di tutti gli olocausti e i sacrifici».
Gesù, vedendo che aveva risposto saggiamente, gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

Marco 12,28-34

Allora si accostò uno degli scribi che li aveva uditi discutere, e, visto come aveva loro ben risposto, gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?».

La domanda di questo scriba è una domanda che forse dovremmo avere il coraggio di farci tutti almeno una volta nella vita. Essa suona così: in fin dei conti che cos’è che conta di più fare nella vita? Gesù risponde in questo modo:

«Il primo è: Ascolta, Israele. Il Signore Dio nostro è l’unico Signore; amerai dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza. E il secondo è questo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Non c’è altro comandamento più importante di questi».

Ciò che conta di più nella vita è tenere insieme questi due amori: quello per Dio e quello per il fratello che mi è accanto. Separare queste due priorità significa cadere sempre in una forma di vita che mi porterà a sbattere contro il muro dell’infelicità. Infatti una vita che mette al centro Dio e basta potrebbe essere una vita che usa Dio per non prendersi mai nessuna vera responsabilità nei confronti degli altri. A volte con la scusa di amare Dio noi non amiamo nessuno. Una vita così può manifestarsi anche come profondamente religiosa ma in realtà è solo una grande maschera che copre un immenso vuoto. Allo stesso modo quando si cade nel suo contrario, cioè di escludere Dio per amare solo gli altri, molto spesso si corre il rischio di idolatrare il prossimo fino al punto da farlo diventare il dio della nostra vita. Ma basta una sua caduta, un suo errore, un suo fallimento per farci fare l’amara scoperta che non era Dio e che non potevamo caricarlo di una simile responsabilità. Solo se si mette Dio al primo posto allora il fratello trova il suo posto. E la prova che Dio è al primo posto è proprio l’amore per il fratello.

Allora lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità che Egli è unico e non v’è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta la mente e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso val più di tutti gli olocausti e i sacrifici».

#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Philip Kosloski
A cosa somiglia davvero il Paradiso secondo s...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni