Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Coronavirus, il missionario a Bergamo: “Metto il telefono sulle salme e prego insieme ai parenti”

ZMARLI NA KORONAWIRUSA
PIERO CRUCIATTI/AFP/East News
Condividi

Da brividi il racconto di Fra Aquilino Apassiti, prete dell’ospedale Giovanni XXIII, dove ogni giorno sono decine i morti per la pandemia e i familiari, in quarantena, non possono muoversi da casa

«I famigliari dei defunti mi chiamano, io metto il cellulare sulle salme dei loro cari e preghiamo insieme». Così Fra Aquilino Apassiti, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, ha spiegato come riesce a dare conforto ai parenti delle vittime in questo momento di emergenza sanitaria causato al coronavirus.

Fra Aquilino è un missionario di 84 anni rientrato cinque anni fa a Dalmine (Bergamo) dal Brasile, dà conforto a personale sanitario, pazienti e familiari, ovviamente nel rispetto delle misure di sicurezza. Sta nella cappella dell’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo, e si affaccia dove permesso sulla porta dei reparti.

Screenshot from www.missioni.org

Il dramma di Bergamo

In questi giorni la situazione nella città e nella provincia di Bergamo, a causa del coronavirus, è drammatica. E’ la zona della Lombardia più colpita dalla pandemia con 4000 contagi ufficiali e diverse migliaia non ancora individuati.

Ogni giorno sono decine i morti accertati da Covid-19 e numerosi quelli non censiti, poiché deceduti in casa e senza la prova del tampone post-mortem, che accerti la presenza del virus.

L’ultimo saluto al marito

Il missionario racconta ai microfoni di InBlu Radio del momento più terribile, la benedizione delle salme senza i parenti, spesso in quarantena.

«L’altro giorno una signora – ha proseguito Fra Aquilino – non potendo più salutare il marito defunto mi ha chiesto di fare questo gesto. Ho benedetto la salma del marito, fatto una preghiera e poi ci siamo messi entrambi a piangere per telefono. Si vive il dolore nel dolore. E’ un momento di grande prova».

“Pensano che io sia un contagiato”

«In queste ultime settimane – ha aggiunto Fra Aquilino – ovviamente non posso più vedere di persona i malati, soprattutto coloro che sono in dialisi ma rimango sulla porta della stanza. Lo faccio perché se i pazienti non mi vedono pensano che io sia stato contagiato. La maggior parte del tempo la passo nella cappella dell’ospedale a pregare. La sera spesso viene una dottoressa del reparto di cardiologia e prega per 45 minuti».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.