Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 02 Dicembre |
Blanca de Castilla
home iconStorie
line break icon

Coronavirus, il missionario a Bergamo: "Metto il telefono sulle salme e prego insieme ai parenti"

ZMARLI NA KORONAWIRUSA

PIERO CRUCIATTI/AFP/East News

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 19/03/20

Da brividi il racconto di Fra Aquilino Apassiti, prete dell'ospedale Giovanni XXIII, dove ogni giorno sono decine i morti per la pandemia e i familiari, in quarantena, non possono muoversi da casa

«I famigliari dei defunti mi chiamano, io metto il cellulare sulle salme dei loro cari e preghiamo insieme». Così Fra Aquilino Apassiti, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, ha spiegato come riesce a dare conforto ai parenti delle vittime in questo momento di emergenza sanitaria causato al coronavirus.

Fra Aquilino è un missionario di 84 anni rientrato cinque anni fa a Dalmine (Bergamo) dal Brasile, dà conforto a personale sanitario, pazienti e familiari, ovviamente nel rispetto delle misure di sicurezza. Sta nella cappella dell’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo, e si affaccia dove permesso sulla porta dei reparti.

Screenshot from www.missioni.org

Il dramma di Bergamo

In questi giorni la situazione nella città e nella provincia di Bergamo, a causa del coronavirus, è drammatica. E’ la zona della Lombardia più colpita dalla pandemia con 4000 contagi ufficiali e diverse migliaia non ancora individuati.

Ogni giorno sono decine i morti accertati da Covid-19 e numerosi quelli non censiti, poiché deceduti in casa e senza la prova del tampone post-mortem, che accerti la presenza del virus.


COFFIN-GRAVE-FUNERAL

Leggi anche:
Coronavirus, 6 sacerdoti morti a Bergamo. Il vescovo: prova estremamente dolorosa

L’ultimo saluto al marito

Il missionario racconta ai microfoni di InBlu Radio del momento più terribile, la benedizione delle salme senza i parenti, spesso in quarantena.

«L’altro giorno una signora – ha proseguito Fra Aquilino – non potendo più salutare il marito defunto mi ha chiesto di fare questo gesto. Ho benedetto la salma del marito, fatto una preghiera e poi ci siamo messi entrambi a piangere per telefono. Si vive il dolore nel dolore. E’ un momento di grande prova».

“Pensano che io sia un contagiato”

«In queste ultime settimane – ha aggiunto Fra Aquilino – ovviamente non posso più vedere di persona i malati, soprattutto coloro che sono in dialisi ma rimango sulla porta della stanza. Lo faccio perché se i pazienti non mi vedono pensano che io sia stato contagiato. La maggior parte del tempo la passo nella cappella dell’ospedale a pregare. La sera spesso viene una dottoressa del reparto di cardiologia e prega per 45 minuti».




Leggi anche:
Coronavirus, a Bergamo chiesa trasformata in un cimitero: 40 bare in attesa di cremazione

Tags:
bergamocoronavirusmissionarioospedaleprete
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni