Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 30 Novembre |
Sant'Andrea
home iconChiesa
line break icon

Come il cristianesimo è nato nelle case private

SUPPER

sam_belmont | Cathopic CC0

Philip Kosloski - pubblicato il 19/03/20

Nei primi secoli, ai cristiani non veniva permesso di celebrare pubblicamente la loro fede, e venivano costretti a “santificare la festa” in casa

Se il cristianesimo è in genere associato a chiese grandi e bellissime in cui la liturgia viene celebrata in modo regolare, all’inizio la situazione è stata molto diversa.

Nei primi secoli i cristiani erano minoritari, e perseguitati quasi da tutti. Non avevano poi le risorse per erigere grandi chiese, e quindi custodivano la fede e si riunivano in case private.

La Catholic Encyclopediaafferma che “il fatto che i primi luoghi riservati all’adorazione cristiana fossero stanze in abitazioni private è ammesso senza riserve”.

Prove di questo si trovano anche nel Nuovo Testamento, soprattutto negli Atti degli Apostoli:

“Ogni giorno andavano assidui e concordi al tempio, rompevano il pane nelle case”(Atti 2, 46).

Si crede che le lettere di San Paolo siano indirizzate a gruppi di cristiani che si incontravano nelle proprie case per l’adorazione:

“Le chiese dell’Asia vi salutano. Aquila e Prisca, con la chiesa che è in casa loro, vi salutano molto nel Signore” (1 Corinzi 16, 19).

Queste riunioni si svolgevano in genere in case grandi, ma comunque i partecipanti non potevano superare i 40-50. Ciò vuol dire che queste “chiese” erano piuttosto piccole, e i pastori locali si occupavano delle necessità di una manciata di famiglie.

Quando il cristianesimo non venne più perseguitato, però, la Chiesa ebbe bisogno di costruire edifici molto più grandi per ospitare tutti i fedeli. Le case private non furono più necessarie e la Messa poteva essere celebrata apertamente senza alcuna minaccia.

È interessante notare che non si tratta di un evento isolato, e ogni volta che il cristianesimo non ha potuto essere praticato in pubblico è passato alle case private, sopravvivendo a innumerevoli prove.

In ogni circostanza, Dio provvede a noi e ci sostiene, donandoci la forza per sopportare qualsiasi cosa.

Tags:
casacristianesimo delle origini
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Philip Kosloski
A cosa somiglia davvero il Paradiso secondo s...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni