Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 29 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
home iconFor Her
line break icon

Ci sono nuove speranze per diagnosi e cura di tumori e Alzheimer

RESEARCH

Di Matej Kastelic -Shutterstock

BenEssere - pubblicato il 18/03/20

Le prospettive incoraggianti di una ricerca in ambito diagnostico e terapeutico, sia per le malattie oncologiche sia per quelle neurodegenerative. intervista a Vincenzo Vigna medico chirurgo, specialista in chirurgia, cardioangiochirurgia, chirurgia toraco-polmonare.

di Edmondo Rho

Recentemente sono emerse alcune diagnostiche e terapie non convenzionali che potrebbero avere un significato nell’immediato futuro per pazienti oncologici o affetti da malattie degenerative come l’Alzheimer, ne parliamo con il professor Vincenzo Vigna, 67 anni, pavese, medico chirurgo, specialista in chirurgia, cardioangiochirurgia, chirurgia toraco-polmonare.


young scientist microscope

Leggi anche:
Un tumore a 18 anni, ora studia medicina per aiutare gli altri: è il mio modo di dire grazie!

Professore, ci spiega di che cosa si tratta?

«Mi riferisco, per esempio, alle biopsie liquide (prelevate da un campione di sangue e quindi evitando le sofferenze per una biopsia chirurgica) e alla conseguente terapia mirata oncologica che diventa più efficace, con un farmaco classico o innovativo. Inoltre, ci può essere il supporto con l’ossigeno poliatomico, sia per patologie oncologiche sia degenerative o debilitanti in genere. E poi, tra i tanti medicinali innovativi, il radiofarmaco CU64 sembra particolarmente promettente sia a livello diagnostico, sia – a piccolissime dosi, ripetute – a livello terapeutico perché attacca le cellule malate risparmiando quelle sane».

Su BenEssere di luglio 2018 pubblicammo un servizio intitolato: “Lotta al tumore, la corsa contro il tempo” in cui si raccontava la storia dell’innovativa Pet-Tac 3 D-CBS studiata da lei, professor Vigna, e inventata dal ricercatore Dario Crosetto. Ci sono novità in proposito?

«Nell’aprile 2019 è stato pubblicato un articolo scientifico, sulla rivista The Journal of Nuclear Medicine, in cui si racconta di un caso analogo al nostro: l’apparecchio Explorer che è stato supportato da università e centri di ricerca statunitensi, e poi con l’appoggio di una grande ditta cinese è stato costruito il prototipo di una Pet-Tac lunga due metri, quindi a grandezza umana. Se riusciremo a nostra volta ad avere i supporti necessari, e a realizzare l’apparecchiatura innovativa “3 D-CBS” per la diagnosi precocissima dei tumori e delle malattie degenerative tipo Alzheimer in tempi “umani”, potremo confrontarci con il nuovo macchinario Explorer creato dalla joint venture tra Usa e Cina e crediamo, dalla comparazione tecnica tra le due apparecchiature, che la nostra sarà più efficace e di gran lunga meno costosa».


child money piggy bank

Leggi anche:
A 5 anni dona i suoi risparmi al medico che ha curato il cancro di sua mamma: “Sono per la ricerca”

Ma per realizzare il vostro progetto occorre un supporto, in Italia e in Europa, che finora è mancato: come pensate di ottenerlo?

«Grazie anche alla pubblicazione di articoli come quelli di BenEssere, speriamo che in primo luogo i ministeri della Salute, dell’Università e della Ricerca, dello Sviluppo economico, nonché le nostre Istituzioni universitarie, si rendano conto fino in fondo della problematica che la “3 D-CBS” può risolvere. Si tratta di un’apparecchiatura che, a pieno regime, potrebbe diagnosticare precocemente malattie che provocano oltre il 30 per cento dei decessi prematuri in Italia. Anche a livello europeo potremmo ottenere dei finanziamenti, confidando che poi le pratiche per effettivamente averli non siano infinite».

E a livello di costi e benefici del progetto, quali sono gli investimenti necessari?

«Per realizzare i primi due prototipi a uso umano ci vogliono 20 milioni di euro, per i successivi sei prototipi altri 30 milioni. Quindi l’investimento sarebbe di 50 milioni per arrivare alla produzione industriale, e a regime ogni nuova apparecchiatura costerebbe poco più di 2 milioni, consentendo un risparmio per l’utilizzatore finale di circa un quinto: in sintesi, gli esami che oggi costano 1.000 euro con la “3 D-CBS” costerebbero 200 euro. Il risparmio di risorse per il Sistema sanitario nazionale è evidente,  soprattutto se si considerano il numero inferiore di interventi, degenze, costose terapie, oltre alla possibilità di salvare numerose vite in più».

Qual è il messaggio finale che lei vuole lanciare?

«Oggi, nei Paesi cosiddetti “civilizzati” si muore in età prematura in circa l’80 per cento dei casi per malattie cardiovascolari e tumori. Per le prime si potrebbe fare tanto con una prevenzione- diagnosi precocissima (e non si fa) per i tumori purtroppo molto meno, anche se ci sono all’orizzonte varie innovazioni. Cerchiamo di portare avanti la nuova tecnologia, senza fermarci, confidando nell’aiuto e nella responsabilità di tutti».

Come funziona la Pet-Tac innovativa “3 D-CBS”Che cosa è È uno strumento elettronico di diagnostica poco invasivo:

a) 1/100 di radiazione rispetto alle apparecchiature oggi utilizzate, (quantitativo simile a una mammografia)

b) 2 minuti per esaminare tutto il corpo (oggi occorrono almeno 20 minuti) c) più economico: 1/5 del costo dell’esame rispetto a oggi A che cosa serve Diagnostica la maggior parte dei tumori e delle malattie degenerative (es. Alzheimer) in fase precocissima nel corpo umano.
Alcune garanzie
1) Copertura brevettuale mondiale tramite 7 brevetti internazionali (valutati da esperti ad hoc prima del rilascio).
2) Prove di concetto scientifiche mai contestate agli scienziati ad hoc.
3) Vari dimostratori pratici e simulazioni.
4) 59 offerte di industrie con elevata reputazione i cui staff scientifici hanno studiato e dimostrato realizzabili tutte le componenti.

QUI IL LINK PER ABBONARSI ALLA RIVISTA BENESSERE

Tags:
ricercatumore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Pape François audience
Gelsomino Del Guercio
"Benedizione Urbi et Orbi del Papa". Attenti,...
Amy Brooks
5 ragioni per cui indosso la Medaglia Miracol...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni