Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Coronavirus, questi quattro preti hanno celebrato messa sul tetto di una chiesa di Roma!

I preti che hanno celebrato la messa in streaming dal tetto della chiesa
Condividi

Ad ascoltarli, dai balconi, decine di fedeli. La celebrazione è stata trasmessa su facebook, nel pieno rispetto delle regole anti contagio

Salgono sul tetto della chiesa e celebrano messa. Ad ascoltarli decine di persone affacciati alle finestre del quartiere.

E’ accaduto domenica scorsa, 15 marzo, a Roma, alla chiesa di San Gabriele dell’Addolorata (Quartiere Quadraro-Don Bosco)

“Nessuno ci vieta di andare lì”

L’Eucaristia è stata celebrata dai quattro sacerdoti impegnati in parrocchia: don Antonio, don Glenn, don Simone e don Roustaveg. Sono saliti tutti sul tetto dove sono riusciti a portare persino una croce nonostante la ripida scala antincendio e dove hanno sistemato l’altare, un microfono e la videocamera per la diretta web.

«Se la nostra gente non può uscire di casa e se noi preti non possiamo lasciare la canonica, nessuno ci vieta di raggiungere il tetto e dire Messa da lì», raccontano ad Avvenire (17 marzo).

Come è nata l’idea

«In realtà non avevamo annunciato che ci sarebbe stata la celebrazione all’aperto – spiegano i quattro preti al quotidiano della Cei – Avevamo realizzato solo un breve video sul nostro canale YouTube e sulla pagina Facebook in cui uno dei vice-parroci lanciava una scommessa al parroco. E se lui l’avesse persa, avrebbe presieduto la Messa sul tetto della chiesa».

Le campane e lo streaming

In tanti si sono chiesti: ma scherzano o fanno sul serio? Alla fine l’hanno celebrata davvero: accanto al campanile, alle antenne e alla parabola satellitare. Quello che i quattro sacerdoti non si aspettavano era che la comunità avrebbe seguito la liturgia dal vivo.

Le campane hanno annunciato l’inizio. L’amplificazione e lo streaming hanno fatto il resto. Vale a dire, hanno trasformato un angolo dell’agglomerato in chiesa: senza infrangere alcuna regola anti-contagio.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.