Aleteia
giovedì 01 Ottobre |
Santa Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo
Spiritualità

Paolo VI e quel messaggio sul diavolo: "Il male è un essere vivo, pervertito"

POPE PAUL VI

Public Domain

Paolo VI - "Tu sei Tu sei il Cristo, Figlio del Dio vivo Tu sei il rivelatore di Dio invisibile, il primogenito di ogni creatura, il fondamento di ogni cosa; Tu sei il maestro dell’umanità Tu sei il Redentore, tu sei nato, sei morto, sei risorto per noi; Tu sei il centro della storia e del mondo; Tu sei colui che ci conosce e ci ama; Tu sei il compagno e l’amico della nostra vita; Tu sei l’uomo del dolore e della speranza; Tu sei colui che deve venire e che deve essere un giorno il nostro giudice, e, noi speriamo, la nostra felicità in Te. Tu sei la luce, la verità, anzi Tu sei la “Via, la Verità e la Vita”. Tu sei il Pane, la fonte dell’acqua viva per la nostra fame e la nostra sete; Tu sei il Pastore, la nostra guida, il nostro esempio, il nostro conforto, il nostro fratello!".

don Marcello Stanzione | Mar 18, 2020

Il Papa ha parlato più volte di Satana e della sua azione malefica. La frase più celebre? Quella del "fumo di Satana" nella Chiesa

Papa Paolo VI (1963 – 1978) si è soffermato diverse volte e in modo esplicito sulla questione del demonio, non solo perché nella sua epoca si andava affermando una corrente teologica che praticamente finiva per negarne l’esistenza, ma anche perché si viveva – e si vive tuttora – in un periodo nel quale la presenza malefica e pervertitrice di Satana è stata ed è indubbiamente più attiva che in altri tempi. Il pontefice sentì il bisogno di riproporre la fede della Chiesa su questo tema nell’udienza generale del 15 novembre 1972:

Il male non è più soltanto una deficienza, ma un’efficienza, un essere vivo, spirituale, pervertito e pervertitore. Terribile realtà. Misteriosa e paurosa. Esce dal quadro dell’insegnamento biblico ed ecclesiastico che si rifiuta di riconoscerla esistente; ovvero chi ne fa un principio a sé stante, non avente essa pure, come ogni creatura, origine da Dio; oppure la spiega come una pseudo realtà, una personificazione concettuale e fantastica delle cause ignote dei nostri malanni”.

Public Domain

La negazione radicale dell’azione di Dio

Più oltre concludeva, riguardo alla presenza dell’azione del Maligno:

Potremmo supporre la sua sinistra azione là dove la negazione di Dio si fa radicale, sottile ed assurda, dove la menzogna si afferma ipocrita e potente, contro la verità evidente, dove l’amore è spento da un egoismo freddo e crudele, dove il nome di Cristo è impugnato con odio cosciente e ribelle, dove lo spirito del vangelo mistificato e smentito, dove la disperazione si afferma come l’ultima parola (…). Il male rimane uno dei più grandi e permanenti problemi per lo spirito umano, anche dopo la vittoriosa risposta che vi dà Gesù Cristo” (Paolo VI, Discorso per l’udienza generale del 15 novembre 1972 “Liberaci dal male”, in “Insegnamenti di Paolo VI” pp. 1172-1173).

Quella espressione che restò nella storia

Anche nell’omelia Resistite fortes in fide, tenuta nella basilica di San Pietro il 29 giugno 1972, il Santo Padre ripropose ai fedeli l’argomento sul demonio. Riferendosi alla Chiesa di oggi Paolo VI affermava di avere la sensazione che da qualche fessura fosse entrato il fumo di Satana (Cfr. Paolo VI, Omelia “Resiste fortes in fide” del 29 giugno 1972, in “Insegnamenti di Paolo VI” (1972), p. 707). Egli denunciava che, all’interno della Chiesa, vi era la presenza del dubbio, dell’incertezza, dell’inquietudine, dell’insoddisfazione, attribuendone le cause, oltre che all’umana debolezza, anche all’intervento del demonio. (Ivi, pp. 703-709).

L’ultima volta che ne parlò fu nel discorso all’udienza generale di mercoledì 23 febbraio 1977, dove svolse il tema “Vigilanza ed energia morale per resistere alle tentazioni del mondo” (Paolo VI, Discorso per l’udienza generale del 23 febbraio 1977, “Vigilanza ed energia morale per resistere alle tentazioni del mondo”, in “Insegnamenti di Paolo VI” 15 (1977), pp. 192-194). Dopo aver presentato i vari significati della parola mondo, il papa affermava:

E finalmente la parola “mondo”, nel nuovo Testamento e nella letteratura ascetica cristiana, riveste spesso un significato sinistro, e negativo al punto da riferirsi al dominio del Diavolo sulla terra e su gli stessi uomini dominati, tentati e rovinati dallo Spirito del male, chiamato “Principe di questo mondo” (ivi, p. 192).

You Tube

La tentazione

In seguito, parlando della vita cristiana, definita come dramma in cui il male e il bene si intrecciano e si oppongono continuamente, il pontefice prende in esame la tentazione, continua minaccia che insidia il cammino dell’uomo nel tempo:

“Pensiamo: noi siamo esseri liberi, ma assai condizionati dall’ambiente puro dal mondo, in cui viviamo: vale a dire, noi siamo continuamente provocati a imprimere nei nostri atti una scelta, a risolvere una “tentazione”; il nostro senso morale dev’essere sempre in una tensione di vigilanza (altra parola evangelica), minacciata di espulsione dal codice della moderna permissività” (Ivi, pp. 193-194).

Un pensiero chiaro e negativo

Gli interventi di Paolo VI esaminati, erano volti a sottolineare la sua posizione sul diavolo e sulla azione, senza usare i mezzi forti del suo magistero, ma piuttosto esprimono con chiarezza il suo pensiero. Seguono sorprese e commenti per lo più negativi, sostenuti anche dalle prese di posizione di alcuni teologi che, con molte argomentazioni sostengono che disquisire sulla personalità o meno di Satana è un problema inutile e che è comunque lecito considerarlo come un’interpretazione teologica per esprimere la presenza del male nel mondo e negli uomini.

Ne sono un chiaro esempio la rivista Concilium che dedica sul diavolo un numero monografico: Satana – i demoni sono dei “niente” del 1975 e il nuovo libro di Haag, La credenza nel diavolo tradotto in italiano e pubblicato nel 1976. (Cfr. A. Cini Tassinario, Il diavolo secondo l’insegnamento recente della chiesa, Pontificio Ateneo Antoniano, Roma, 1984, pp. 209-214).

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
diavolopaolo vipapa paolo vi
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
WOMAN, SHARK, SEA
Annalisa Teggi
Incinta si tuffa in soccorso del marito azzan...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Gelsomino Del Guercio
Parla il sacerdote che ha vinto 35mila euro a...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La miste...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni