Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconStorie
line break icon

Hanno anticipato le nozze, preso in prestito i vestiti e ora trascorrono la luna di miele in quarantena

Javier González García - pubblicato il 17/03/20

Gloria e Lucas hanno deciso di cambiare i propri progetti e di sposarsi prima dell'entrata in vigore dello stato d'allerta per il coronavirus

Non avrebbero mai immaginato così il giorno delle loro nozze. Lucas porta il vestito con cui si è sposato il fratello della sua fidanzata. Gloria avanza lungo la navata circondata dai dieci invitati con i capelli ancora bagnati e il vestito da sposa di sua sorella. In un piccolo santuario di Madrid, Gloria e Lucas hanno anticipato le nozze al giorno in cui è stato decretato per la prima volta nella storia della democrazia spagnola lo Stato d’Allarme. Mentre fuori sembra che il mondo finisca con il coronavirus, Lucas e Gloria ricevono il sacramento del matrimonio.

Hanno 23 e 24 anni, e qualche settimana fa Lucas mi diceva di non essere preoccupato per la storia del coronavirus e che non guardava la televisione. Pensava che non ci sarebbero stati problemi a celebrare il suo matrimonio con Gloria il 18 aprile, ma la situazione è precipitata, la nostra vita è cambiata da un giorno all’altro e questa coppia di fidanzati doveva prendere una decisione.

Una cosa era chiara: l’importante era sposarsi, e volevano farlo davanti a Dio. Sono andati all’essenziale. Niente invitati, niente festa, niente fiori, niente viaggio di nozze…

Il giovedì della settimana fatidica in cui mezzo mondo si è rifugiato in casa, Gloria e Lucas hanno deciso di risolvere il problema. C’erano solo due possibilità: anticipare la cerimonia o rimandarla a data da destinarsi.

Cambio di progetti

Lucas e Gloria si chiedono “se la Chiesa permette di celebrare il sacramento del matrimonio in una casa”. Gloria si mette in contatto con il santuario di Nostra Signora di Schoenstatt di Madrid, il luogo in cui avevano previsto di sposarsi. Vuole sapere se si può cambiare la data.

Durante tutta la settimana i due vanno insieme all’adorazione e a Messa nella parrocchia di San Giuseppe della Montagna, e decidono di mettere la cosa nelle mani del padre di Gesù. Forse il giorno di San Giuseppe? “È la settimana dopo”, pensano.

Il venerdì ricevono la risposta dal santuario: hanno il permesso di sposarsi, ma dev’essere subito. Il giorno dopo Gloria chiama Lucas, che sta uscendo dal lavoro. Gli dice: “Ci sposiamo domani”. Ed è così che Gloria e Lucas decidono di sposarsi sabato alle quattro del pomeriggio.

I genitori di lui non capiscono perché il figlio abbia preso questa decisione. “E gli altri parenti?” La madre di Lucas gli dice: “Non ho un vestito!” La situazione promuove una conversazione tra padre e figlio che volevano avere da molto tempo.

E arriva il grande giorno, lo stesso in cui in Spagna viene decretato lo stato d’allerta. Non si potrà più uscire di casa. Il fratello di Gloria ha dato a Lucas il suo vestito, Gloria indossa il vestito da sposa di sua sorella. Nel piccolo santuario di Madrid sono poco più di una decina: sposi, genitori, fratelli, il sacerdote, Dio e la Vergine Maria.

Gloria ha ancora i capelli umidi dopo la doccia, i fiori che ha in mano sono quelli raccolti da suo padre nel giardino.

  • 1
  • 2
Tags:
coronavirusgiovanimatrimoniospagna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni