Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
Stile di vita

“Mi sono stancato di servire nella Chiesa e di aiutare gli altri”. Che fare?

Pixabay/Aleteia COMP

Catholic Link - pubblicato il 15/03/20

di Fernando Merino

Vi è mai successo di stancarvi di servire, di essere catechista, di animare i canti, di coordinare i ritiri, di andare nella vostra comunità ogni sabato, di caricarvi le sedie o semplicemente di dover pregare tutti i giorni per rispettare gli impegni del vostro gruppo?

Tranquilli! In primo luogo voglio dirvi che cliccare per leggere un articolo che ha questo titolo è già da coraggiosi, perché riconoscere che si è stanchi non è facile. Non siamo qui per giudicarvi o per dirvi cosa dovete fare. Vorrei semplicemente condividere con voi alcune riflessioni che mi sono state utili quando ho sperimentato la stessa cosa che state vivendo voi. Partiamo!

1. Non vi confondete su Dio

Questa è forse la parte più complicata. A volte pensiamo di servire un Dio che è il capo di una fabbrica o il CEO di una grande impresa, che ci ricompenserà se svolgiamo una certa quantità di ore di lavoro, se non provochiamo alcun problema e obbediamo a tutte le norme del luogo con successo.

Il problema di vedere Dio in questo modo è che quando ci stanchiamo e vogliamo fermarci, pensiamo automaticamente che Dio non ci ami più, che non ci darà più ricompense, che non ci sceglierà più, che non ci accetta e non ci vuole più bene.

Non c’è niente di più falso. Dio non funziona come un supermercato che dà le cose se si pagano con altre. Dio non negozia il suo amore con nessuno. Mi dispiace deludervi, ma Dio non vi ama di più perché siete catechisti, né perché siete una suora o perché scrivete articoli per Catholic Link.

Ci ama perché ci ha creati, perché ci ha dato la vita, perché ci ha scelti per esistere e perché Egli è amore. Non ci ama per quello che facciamo o che smettiamo di fare, ma per quello che siamo, e indipendentemente dal fatto che decidiamo o meno di servire nella Chiesa continuerà a servirci, perché ci amerà allo stesso modo, ovvero nella massima forma possibile.

Tranquilli, non state deludendo nessuno per il fatto di sentirvi così. Continua a scommettere su di voi, sempre.

2. Trovate le cause

È importante riuscire a trovare il motivo per cui vi sentite così. È assai salutare dare un nome a quello che state vivendo. Senza paura! Ad esempio, vi sentite frustrati? Forse per qualche progetto che non è andato in porto, perché non si tiene conto di voi, perché i vostri fratelli non si impegnano tanto o perché vi trovate male con qualche coordinatore.

Vi sentite tristi? Forse perché vi hanno traditi, vi hanno delusi o vi hanno detto qualcosa che vi ha ferito. Vi sentite incoerenti? Forse perché pensate di non essere degni di parlare di Dio, perché avete commesso degli errori che non dovevate fare o perché credete di non avere ormai rimedio.

Vi sentite oggetto di pressioni? Forse perché le responsabilità sono tante, perché vi chiedono sempre ma senza preoccuparvi di voi, o perché vi vedono più come operai che come esseri umani.

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
chiesaservire
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni