Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Francesco Saverio
home iconStorie
line break icon

All'Ospedale Sacco di Milano, il cappellano racconta: personale esausto, ma non molla

PORONIENIE

Shutterstock

Lucandrea Massaro - pubblicato il 13/03/20

Turni massacranti, reparti che esplodono di contagiati ma tanta voglia di fare il proprio lavoro: curare chi sta male.

«L’ospedale è irriconoscibile. Quasi tutti i reparti sono stati riconvertiti per accogliere i pazienti affetti da coronavirus. C’è la zona degli infettivi, con i malati più gravi, e quella degli isolamenti e delle quarantene» dice così don Giovanni Musazzi, cappellano dell’Ospedale Luigi Sacco dal novembre 2018 (insieme a don Mauro Carnelli) al sito di Tempi.it per raccontare, dal di dentro eppure da un punto di vista diverso da quello dei medici, la situazione di Milano, uno degli epicentri dell’epidemia in Italia. L’Ospedale Sacco è un centro di eccellenza in Lombardia, e dunque in Italia, e ha subito più di altri il colpo inferto da questo virus inatteso.

Don Giovanni racconta di come il personale stia reagendo con una dignità e una forza d’animo inattesi, lavorando 12-13 ore al giorno, rinunciando agli affetti, qualcuno addirittura non torna a casa per paura di infettare la famiglia, altri ancora tornano solo per giocare un po’ coi figli, riposare e ritornare subito al lavoro. Niente ferie, niente vacanze, niente turni. Tutti lavorano: medici, infermieri, ausiliari.

«Il personale sanitario che vedo non è affatto scoraggiato, solo fisicamente stanco. Voglio sottolineare che non ci sono solo medici o infermieri, anche gli ausiliari stanno svolgendo un lavoro incredibile. Guadagnano poco più di mille euro, ma all’alba sono qui per tenere tutto pulito e ordinato, anche i reparti degli infettivi. Chi li vede, magari, chiede loro solo come stanno i pazienti o come va l’ospedale. Ma hanno pure bisogno che qualcuno si prenda cura di loro. Questo è il mio lavoro adesso».

Nel suo lavoro di cappellano, don Giovanni era abituato a stare a contatto con la sofferenza, a potersi accostare – pur nelle singole situazioni più complesse – per una parola di conforto, per distribuire l’eucarestia, per amministrare i sacramenti. Ma adesso è tutto più difficile

«Insieme ai medici sto studiando delle formule per riuscire a incontrare chi è in quarantena. Purtroppo raggiungerli, parlare con loro, portare la comunione non sono cose scontate. Nei prossimi giorni, forse nelle prossime ore, andrò a trovare una persona che mi ha chiesto i sacramenti, accompagnato da un infermiere».

E così cambia la missione:

«Il mio lavoro quotidiano in questo momento è soprattutto quello di sostenere i medici, chiedere come stanno loro e i familiari, sapere se hanno mangiato o dormito».

Ma ha anche deciso di non far mancare la presenza del Signore, specie in questi giorni difficili

«Nella giornata ho pensato a due punti fermi: dalle 8 alle 9 e dalle 11.30 alle 12.30 facciamo sempre due ore di adorazione eucaristica in chiesa. Così le persone possono entrare alla spicciolata e pregare un po’. Anche i malati che non possono venire sanno che in cappella c’è sempre qualcuno che prega per loro e che si ricorda di loro. Anche se non possiamo raggiungere i pazienti, loro sanno che non li abbiamo abbandonati».
Tags:
coronavirusmilanoospedale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni