Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconFor Her
line break icon

La moglie, positiva, partorisce da sola. Lui, medico, resta in ospedale a curare i malati di Coronavirus

DOCTOR, MASK,

HQuality | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 13/03/20

Dalla trincea di Bergamo un giovane pediatra non ha potuto assistere alla nascita della terzogenita Anna: "Mia moglie, è stata incredibile. Partorire sola, per di più positiva al Covid, dev'essere stata una prova difficile. Sono orgoglioso di lei".

In questa difficilissima situazione che il Paese sta vivendo i soldati in prima linea sono i medici ed il personale infermieristico che, specialmente nel Nord-Italia, stanno profondendo uno sforzo sovrumano per salvare le tante vite umane in pericolo. Essi stessi corrono gravissimi rischi, ed alcuni di loro hanno già pagato con la vita la generosa disponibilità verso i pazienti contagiati dal virus. Quanti combattono in ospedale con turni massacranti vivono anche la lontananza dai familiari e il concreto timore di infettarli quando tornano a casa, per cui cercano di rimanere separati da loro anche all’interno delle mura domestiche.


CORONAVIRUS

Leggi anche:
L’eroismo quotidiano del personale sanitario

Al riguardo la storia di Lorenzo Norsa, pediatra milanese 37enne, è emblematica (Repubblica.it). Mentre era in trincea all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, nei reparti dei pazienti contagiati dal Covid-19, sua moglie partoriva alla Clinica Mangiagalli di Milano la loro terzogenita Anna.

La moglie positiva al Covid-19

Sara in coincidenza dell’ultima visita ostetrica aveva evidenziato qualche linea di febbre, ed il tampone subito effettuato aveva dato esito positivo. Da qui la decisione di farla partorire con il taglio cesareo, momento a cui il marito – che lo aveva fatto per gli altri due figli – non ha potuto presenziare sia perché assolutamente indispensabile sul fronte di Bergamo, la città italiana con il maggior numero di contagiati, sia perché, per questo motivo, potenzialmente infetto.

Allattare con guanti e mascherina

Le prime fotografie della bambina in braccio alla madre le ha ricevute dai colleghi di Milano. Alla domanda su come stia la neonata, Lorenzo così risponde:

La stanno valutando. La cosa più probabile è che negli ultimi giorni di gravidanza la mamma, tramite cordone ombelicale, le abbia trasmesso gli anticorpi e che lei sia quindi immune. Adesso Sara e Anna sono insieme in stanza, sempre vicine, in un ambiente assolutamente protetto. Cominciano a interagire. Sara allatta comunque con guanti e mascherina, con estrema precauzione. (Ibidem)

“Mia moglie è stata fortissima”

Mia moglie è stata fortissima. Alle sue prime due gravidanze ho assistito, come marito, papà e neonatologo. Ed è stata una cosa bellissima. Questa volta ha dovuto fare tutto da sola, essendo io impegnato su un altro fronte. Sara, mia moglie, è stata incredibile. Partorire sola, per di più positiva al Covid, dev’essere stata una prova difficile. Sono orgoglioso di lei ed ero tranquillo. Mi fidavo di mia moglie come dei colleghi di Milano. (repubblica.it)

Parole piene di orgoglio e sincera riconoscenza, che non raccontano la preoccupazione di quei momenti ma sottolineano la gratitudine e l’amore.


FABIO TESTI,

Leggi anche:
Coronavirus, la preghiera dei concorrenti del Grande Fratello VIP per vittime e ammalati

Quando tutto sarà finito potremo trasmetterci tutto l’affetto del mondo!

I fratellini di Anna, quasi 5 anni la maggiore e 2 e mezzo il più piccolo, che sono stati mandati dai nonni per evitare rischi, l’hanno conosciuta grazie alle foto che la mamma ha subito inviato loro. Il papà, anche se distante fisicamente, sente tutta la loro vicinanza:

Come tutti, ho dovuto abituarmi all’idea che la vicinanza in queste settimane è una questione di spirito, non di corpi. Quando tutto questo sarà finito, potremo trasmetterci tutto l’affetto del mondo, anche più del solito. Io mi sveglio da solo a casa a Milano, la mattina vado a Bergamo, la sera torno indietro. I nonni e i colleghi della Mangiagalli di Milano mi mandano in continuazione foto dei miei figli, mi coccolano. (Ibidem)

E la situazione a Bergamo?

Siamo in un momento difficile (…) Ma la risposta che stiamo dando ci rende orgogliosi. Sono fiero di dire che è difficile immaginare qualcosa di meglio di quello che vedo ogni giorno da parte dei colleghi, degli infermieri, di tutto il personale. (Ibidem)

Il termine “Angeli custodi” con cui oggi pensiamo ed indichiamo i nostri medici, infermieri e tutto il personale sanitario, esprime l’affetto e la riconoscenza che dobbiamo a questi uomini e donne che con grande coraggio e straordinario spirito di sacrificio combattono per tutti noi contro un nemico estremamente agguerrito perché invisibile agli occhi.


BIANCA BALTI, TOP MODEL

Leggi anche:
Bianca Balti:«Finché l’Italia non sarà guarita sarò immobile e fiera delle mie origini»

Tags:
coronavirusmedico
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni