Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
San Francesco Saverio
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

Quando la peste colpì Venezia, i cittadini costruirono questa chiesa

David Sutterlütti | Flickr CC BY-SA 2.0

Zelda Caldwell - pubblicato il 12/03/20

Mentre il mondo affronta la sfida del coronavirus, è importante ricordare come la fede abbia salvato dalla peste una delle città più amate del mondo

Chi visita Venezia oggi può ammirare la chiesa del Redentore, una struttura alta 76 metri con una cupola imponente che domina l’isola della Giudecca. Pochi, però, sanno che la chiesa è stata costruita nel 1592 per ringraziare Dio per il suo aiuto nello sconfiggere un’epidemia di peste che uccise più del 30% degli abitanti della città.

Redentore and Canale della Giudecca
Didier Descouens | CC BY-SA 4.0

Nel biennio 1575-1577, una violenta ondata di peste bubbonica colpì quella che era la Repubblica di Venezia, uccidendo quasi 50.000 persone. Quasi un veneziano su tre perse la vita per la malattia, incluso il grande pittore rinascimentale Tiziano. Nel 1576, durante il picco dell’epidemia, il Senato decise di costruire una splendida chiesa per chiedere l’aiuto divino nella lotta alla malattia. Il doge Alvise I Mocenigo, che governava la Repubblica di Venezia, scelse Andrea Palladio, uno degli architetti più importanti dell’epoca, per realizzare il progetto.

Palladio optò per una chiesa a navata unica con tre cappelle laterali. La facciata venne modellata a imitazione del Pantheon di Roma, mentre i 15 gradini che portano all’ingresso sono un riferimento al Tempio di Gerusalemme. In questo modo, Palladio cercò di costruire un’opera monumentale che dimostrava la fiducia che i cristiani di tutti i tempi hanno riposto in Dio.

CC0

Poco dopo la posa della prima pietra, Palladio costruì una piccola struttura lignea che doveva funzionare come chiesa temporanea mentre veniva costruita quella attuale. Questa chiesetta lignea operava come una sorta di cappella galleggiante, collegata al resto della città da ponti rimovibili e chiatte che permettevano a sacerdoti e governanti di raggiungere il tabernacolo. Il 20 luglio 1577, solo pochi mesi dopo la decisione della città di costruire una chiesa per chiedere l’aiuto divino, le autorità dichiararono la fine ufficiale della piaga.

Una gioiosa processione di barche partì da ogni angolo della laguna per raggiungere la “chiesa galleggiante” in segno di gratitudine. Da quel giorno, i veneziani si riuniscono ogni 20 luglio per celebrare l’aiuto di Dio nello sconfiggere la peste.

CANALS
Luigi Pastega | Public Domain

La cerimonia inizia la sera precedente, con bellissimi fuochi d’artificio in tutta la città. Il giorno dopo i veneziani si riversano nei canali con barche decorate per l’occasione che mostrano la loro gratitudine per il lieto fine di un capitolo difficile della storia della loro città.

Tags:
chiesavenezia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni