Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconFor Her
line break icon

Donne: sei posizioni da evitare per scongiurare il mal di schiena

@sirtravelalot - Shutterstock

Bénédicte de Saint-Germain - pubblicato il 12/03/20

«Sta’ composta!». Quante volte abbiamo sentito quest’ingiunzione, da bambini, quando scrivevamo riversi sui quaderni o, da adolescenti, sembravamo portare sulle spalle il peso del mondo intero? E oggi che siamo grandi, chi di noi non ha mal di schiena? Troppo spesso ci ricordiamo che il corpo è un prezioso dono di Dio solo quando soffriamo. Non aspettiamo di avere la schiena a pezzi per prendercene cura.

Jacques Patté, kinesiterapeuta e autrice di Le grand livre de la méthode Mézières (Eyrolles) elenca ad Aleteia le cattive posizioni spesso assunte dalle donne, all’origine di dolori muscolo-scheletrici situati nel dorso. Immaginato 70 anni fa, il metodo Mézières considera il corpo come un’unità: tutte le sue parti sono in relazione mediante catene muscolari e sequenze articolari. I problemi posturali, fisici, psico-emozionali o psico-comportamentali generano degli fenomeni di contrazione e di irrigidimento. Nel corso del tempo, essi fanno perdere al corpo la sua libertà di movimento. Ecco sei consigli di questo pioniere.

Cattiva posizione numero 1Lavorare a gambe incrociate

Pone il bacino in torsione: essendo esso al centro del corpo, si crea allora un fenomeno di tensione muscolare fino alla nuca e alle spalle. Questa cattiva posizione crea anche problemi al livello del sistema venoso linfatico. Quando si siedono, alcune donne restano in punta di piedi: ciò crea risonanze muscolari a livello di dorso e nuca, causa di cefalee e di cervicali.

La posizione buona: Sedersi con la punta delle natiche in fondo alla sedia e le braccia poggiate su un supporto. Ciò condiziona la distensione delle spalle, della nuca e del resto del corpo. Sedersi bene scarica molta fatica e molta tensione.

HAPPY YOUNG WOMAN
By ESB Professional | Shutterstock

Cattiva posizione numero 2Tacchi troppo alti

Usare tacchi di dieci o più centimetri squilibra l’insieme del corpo e obbliga tutti i muscoli del dorso a lavorare permanentemente per compensare. È tutta una sequenza a catena: i muscoli del piede s’irrigidiscono, la caviglia è bloccata (eppure è indispensabile per la posizione eretta), si creano tensioni sul plantare e alle dita dei piedi. I muscoli del polpaccio si contraggono, e si tratta di maglie essenziali della catena muscolare posteriore, che va dalle dita dei piedi fino su al cranio, passando per il tallone e per la nuca, donde le possibili ripercussioni a livello del dorso.

I terapisti méziéristi lavorano sulle contrazioni muscolari all’origine dei dolori. Abbiamo bisogno di agilità per muoverci. Ora, un muscolo contratto perde la sua elasticità e così hanno luogo delle contrazioni articolari. Esse ci comprimono e ci torcono, perché il nostro corpo si colloca su ciascuno dei tre piani dello spazio. Esso ha un’ampia facoltà di adattamento, ma certo non illimitata: oltre una certa soglia, compaiono problemi più o meno localizzati.

La posizione buona: tenere il piede in piano. Si possono portare abitualmente dei piccoli tacchi, ma questo dipende dall’equilibrio del bacino. Se teniamo ai tacchi alti, almeno non portiamoli troppo spesso: per perdere l’abitudine, si può passare gradualmente a cinque e poi a quattro centimetri.

Shutterstock/Africa Studio

Cattiva posizione numero 3 Portare zaino o borsa su una spalla sola

Questa pratica squilibra la linea delle spalle e il bacino. Per impedire alla bretella di cadere, attacchiamo la scapola al tronco e impediamo il movimento del braccio. Ciò comporta tensioni e contrazioni, dolori puntiformi nella schiena. Eppure è indispensabile mantenere libera la spalla, perché ne viene condizionata anche la libertà respiratoria.

La posizione buona: il meglio è portare in braccio lo zaino, o anche a tracolla. Evitate anche la presa “a martello” (portare lo zaino sull’avambraccio o nella fossa antecubitale), che genera tensioni al braccio con relativi dolori.

BAG
Dickson Phua-(CC BY-NC-ND 2.0)

Cattiva posizione numero 4 Durante la gravidanza

I problemi posturali collegati alla gravidanza sono importanti: sul bacino, sul sistema venoso e linfatico, sulla digestione eccetera. Dopo il parto, non è automatico ritrovare una buona posizione, dato che la gravidanza non dura un giorno.

La posizione buona: Giova molto un lavoro sulla postura, specialmente sul bacino e sulla schiena. Poi si possono tonificare alcuni elementi facendo degli addominali. Attenzione a certi movimenti totalmente contro-indicati per il perineo, sul quale si può creare una tensione che inficerebbe il suo ruolo di sostegno.

PREGNANCY
Shutterstock

Cattiva posizione numero 5 Bloccare la respirazione

Lo stress non sembra avere alcun rapporto diretto con le cattive posture. Eppure lo stress che si vive in ufficio o di ritorno a casa può provocare tensioni muscolari e dare origine a turbamenti funzionali. La costipazione ne è uno, e le donne vi sono particolarmente soggette. La respirazione ne è un altro: se la donna è “bloccata” ne conseguono effetti a cascata. Il diaframma, che poggia sulle vertebre lombari, scinde la sfera addominale dal torace: se si blocca (l’impressione di avere il fiato corto), la schiena e la respirazione possono risultarne affaticate.

La posizione buona: Liberare la respirazione non è cosa che si faccia solo con esercizi respiratori. Nel metodo Mézières, un lavoro liberatorio può essere effettuato migliorando la postura, liberando le contrazioni e prendendo coscienza delle tensioni inutili che bloccano la respirazione.

stressed sad woman
By pathdoc/Shutterstock

Cattiva posizione numero 6 Praticare cattivi movimenti ginnici

Quando vogliamo fare sport, dobbiamo avere coscienza che il corpo è un tutto. Le persone che hanno una cattiva postura la tengono anche quando corrono. A parte questo, spesso fanno degli stiramenti inadatti e rischiano di farsi male. Quando si stirano dei gruppi muscolari, c’è sempre un effetto “distanza” che si opera, vale a dire una ripercussione su altre parti del corpo.

La posizione buona: gli addominali devono essere tonici ed elastici. Non conviene cementarli con una ridda di serie, e tantomeno bloccando la respirazione. Ciò ha l’effetto di spingere nel ventre e causa una pressione troppo forte sulla parte bassa dell’addome. La funzione degli addominali dev’essere associata alla postura globale, specialmente al dorso e alla respirazione. I muscoli essenziali da sollecitare sono quelli trasversali all’addome, più che i grandi orientati in linea retta.

WOMAN,EXERCISE,BED
Shutterstock

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
donnesalute
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni