Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Coronavirus, la preghiera dei concorrenti del Grande Fratello VIP per vittime e ammalati

FABIO TESTI,
Facebook | Emanuela Pongiluppi Eleuteri
Condividi

Gli inquilini della casa del GFVip si raccolgono in un momento di preghiera per il popolo italiano guidati dal carisma di Fabio Testi.

Fabio Testi in accappatoio bianco conduce un momento di preghiera nel giardino della casa del Grande Fratello Vip, e i compagni di reality lo seguono senza battere ciglio con grande trasporto. Una scena sorprendente ed insolita: mani giunte e occhi chiusi, i concorrenti smettono di litigare e insultarsi e recitano insieme il Padre Nostro, l’Ave Maria e il Gloria al Padre per la salute delle persone che hanno contratto il Coronavirus, per trasmettere vicinanza a tutto il popolo italiano“per quelli che soffrono indipendentemente da questa cosa qui”, commenta l’attore incoraggiando il gruppo.

Gli dimostriamo che siamo loro vicini con un altro Pater, Ave e Gloria. Dai! (…) Bene, cerchiamo così di compattarci, tutti uniti, per dimostrare che siamo qui anche pensando a quelli che soffrono al di fuori dei nostri giochi. L’ultimo Pater, Ave e Gloria. Dai!

Il video che vi alleghiamo è stato registrato da Arianna Aprea e postato su Facebook da Emanuela Pongiluppi Eleuteri. Ringraziamo vivamente entrambe per aver concesso a noi tutti di ricrederci, di toglierci la puzza sotto il naso, per confermarci come anche nelle situazioni più incredibili il Signore agisca, la sua Grazia si manifesti, semplice e potente, riconducendo tutti, pure i famosi (o quasi) alla realtà più profonda: quella di fragili creature.

Un minuto di televisione davvero inaspettato, di comunione profonda, surreale ma bello per dirla come Hugh Grant a Julia Roberts in Notting Hill. “Dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro” dice Gesù. Da personaggi si mostrano persone, figli, che non hanno dimenticato le preghiere, le conoscono a memoria e non si vergognano di pronunciarle come gliele hanno insegnate i genitori e i nonni. Proprio come fa Fabio Testi, memore del fatto che la sua generazione recitava “Figliolo” e non “Figlio” nel Gloria al Padre, ed era più abituata al “Così sia” piuttosto che all'”Amen”.

L’attore, il più anziano del gruppo, si assume con grande spontaneità e senso di responsabilità il compito di guidare e rassicurare i suoi compagni, conducendoli fuori dal terreno dell’imbarazzo di chi non è abituato a mostrare la propria religiosità, profonda o superficiale che sia. 

Non sappiamo come finirà questa edizione del GF Vip, dato che l’attuale emergenza epidemiologica sta sconvolgendo tutto quanto è intorno a noi, e per cui probabilmente ci ritroveremo a dover datare i tempi moderni in “prima e dopo” il Coronavirus. Ma qualunque sia l’esito televisivo di questo reality, la preghiera di oggi ha introdotto prepotentemente nel format l’inquilino che mai era previsto vi fosse neppure nominato, se non forse per dileggiarlo, l’unico e autentico “Grande Fratello” di tutti: Gesù Cristo.

GUARDA QUI IL VIDEO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni