Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconFor Her
line break icon

Confessione: Cristo non ti sta umiliando, ti sta abbracciando!

HUG

A3pfamily|Shutterstock

Mogli e mamme per vocazione - pubblicato il 12/03/20

Accostare il sacramento della Confessione a un giudizio ci porta a godere spesso troppo poco di questo dono, lo rende difficile da capire, quando in realtà non c'è umiliazione, ma solo l'abbraccio più vero e misericordioso di Cristo.

di Giorgia Farina

Ci sono due immagini che mi vengono in mente prepotentemente tutte le volte che penso al Sacramento della Confessione: la prima è il ritorno del figliol prodigo di Rembrandt e la seconda la figura di Pietro.

In entrambi i casi è la storia di un abbraccio.

Questo pensiero mi dà molta pace perché c’è qualcuno che, nonostante tutto ciò che io possa aver fatto, è lì che mi aspetta con le braccia aperte, pronto a raccogliermi in un rapporto con lui.

Eppure forse questo è il sacramento che facciamo più fatica a ricevere: è un dono che pur desiderato provoca in noi qualche reticenza. Forse è difficile ammettere di aver sbagliato e ancor di più è difficile andare a raccontare a qualcuno le nostre pecche. Non so se capita anche a voi di sentire questo contrasto fra un desiderio di confessione e una paura.

Da cosa nasce questo desiderio? Ce lo dice il Catechismo della Chiesa Cattolica all’articolo 1428:

[…]è il dinamismo del cuore contrito attirato e mosso dalla grazia a rispondere all’amore misericordioso di Dio che ci ha amati per primo.

Cioè è l’esperienza di un amore grande che ci richiama a sé.

Ancora nell’articolo 1432:

E’ scoprendo la grandezza dell’amore di Dio che il nostro cuore viene scosso dall’orrore e dal peso del peccato e comincia a temere di offendere Dio con il peccato e di essere separato da lui. Il cuore umano si converte guardando a colui che è stato trafitto dai nostri peccati.

E’ quindi una conversione a Cristo come del resto siamo abituati a sentire nella parabola del figliol prodigo. Il fascino di una libertà illusoria, l’abbandono della casa paterna, la miseria estrema, l’umiliazione la riflessione dei beni perduti, il pentimento e la decisione di dichiararsi colpevole davanti al padre, il cammino per la strada del ritorno ma la cosa che più colpisce in tutta questa storia è sicuramente l’accoglienza generosa da parte del padre.


GUARDIAN ANGEL

Leggi anche:
Prima della Confessione, chiedete aiuto al vostro angelo custode!

E’ l’esperienza che facciamo anche noi, attratti da qualcosa che ci fa sembrare più liberi, lasciamo un rapporto sicuro per provare la miseria e il desiderio di ritornare a lui.

La novità dei capitoli di questi articoli che ho letto sul Sacramento della Penitenza e della riconciliazione è per me la dimensione comunitaria, un aspetto a cui non avevo mai pensato.

In effetti il mio peccato non solo offende Dio, ma attenta anche alla comunione della Chiesa:

La confessione dei peccati (l’accusa), anche da un punto di vista semplicemente umano, ci libera e facilita la nostra riconciliazione con gli altri. Con l’accusa, l’uomo guarda in faccia i peccati di cui si è reso colpevole; se ne assume la responsabilità e, in tal modo, si apre nuovamente a Dio e alla comunione della Chiesa al fine di rendere possibile un nuovo avvenire. CCC, 1455

Pensando a tutte queste dinamiche che ci vengono così bene spiegate, ho riflettuto su quanto per noi sia difficile il sacramento della confessione e quanto invece alcuni santi la praticassero quotidianamente. In effetti è una raccomandazione della Chiesa, perché la confessione quotidiana aiuta a formare la nostra coscienza, aiuta anche a lottare contro le cattive inclinazioni, aiuta a lasciarci guarire e quindi sperimentare questo balsamo sulla nostra vita e aiuta a progredire nella vita dello spirito.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DAL BLOG MOGLI E MAMME PER VOCAZIONE

Tags:
confessionesacramenti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni