Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Confessione: Cristo non ti sta umiliando, ti sta abbracciando!

HUG
A3pfamily|Shutterstock
Condividi

Accostare il sacramento della Confessione a un giudizio ci porta a godere spesso troppo poco di questo dono, lo rende difficile da capire, quando in realtà non c’è umiliazione, ma solo l’abbraccio più vero e misericordioso di Cristo.

di Giorgia Farina

Ci sono due immagini che mi vengono in mente prepotentemente tutte le volte che penso al Sacramento della Confessione: la prima è il ritorno del figliol prodigo di Rembrandt e la seconda la figura di Pietro.

In entrambi i casi è la storia di un abbraccio.

Questo pensiero mi dà molta pace perché c’è qualcuno che, nonostante tutto ciò che io possa aver fatto, è lì che mi aspetta con le braccia aperte, pronto a raccogliermi in un rapporto con lui.

Eppure forse questo è il sacramento che facciamo più fatica a ricevere: è un dono che pur desiderato provoca in noi qualche reticenza. Forse è difficile ammettere di aver sbagliato e ancor di più è difficile andare a raccontare a qualcuno le nostre pecche. Non so se capita anche a voi di sentire questo contrasto fra un desiderio di confessione e una paura.

Da cosa nasce questo desiderio? Ce lo dice il Catechismo della Chiesa Cattolica all’articolo 1428:

[…]è il dinamismo del cuore contrito attirato e mosso dalla grazia a rispondere all’amore misericordioso di Dio che ci ha amati per primo.

Cioè è l’esperienza di un amore grande che ci richiama a sé.

Ancora nell’articolo 1432:

E’ scoprendo la grandezza dell’amore di Dio che il nostro cuore viene scosso dall’orrore e dal peso del peccato e comincia a temere di offendere Dio con il peccato e di essere separato da lui. Il cuore umano si converte guardando a colui che è stato trafitto dai nostri peccati.

E’ quindi una conversione a Cristo come del resto siamo abituati a sentire nella parabola del figliol prodigo. Il fascino di una libertà illusoria, l’abbandono della casa paterna, la miseria estrema, l’umiliazione la riflessione dei beni perduti, il pentimento e la decisione di dichiararsi colpevole davanti al padre, il cammino per la strada del ritorno ma la cosa che più colpisce in tutta questa storia è sicuramente l’accoglienza generosa da parte del padre.

E’ l’esperienza che facciamo anche noi, attratti da qualcosa che ci fa sembrare più liberi, lasciamo un rapporto sicuro per provare la miseria e il desiderio di ritornare a lui.

La novità dei capitoli di questi articoli che ho letto sul Sacramento della Penitenza e della riconciliazione è per me la dimensione comunitaria, un aspetto a cui non avevo mai pensato.

In effetti il mio peccato non solo offende Dio, ma attenta anche alla comunione della Chiesa:

La confessione dei peccati (l’accusa), anche da un punto di vista semplicemente umano, ci libera e facilita la nostra riconciliazione con gli altri. Con l’accusa, l’uomo guarda in faccia i peccati di cui si è reso colpevole; se ne assume la responsabilità e, in tal modo, si apre nuovamente a Dio e alla comunione della Chiesa al fine di rendere possibile un nuovo avvenire.
CCC, 1455

Pensando a tutte queste dinamiche che ci vengono così bene spiegate, ho riflettuto su quanto per noi sia difficile il sacramento della confessione e quanto invece alcuni santi la praticassero quotidianamente. In effetti è una raccomandazione della Chiesa, perché la confessione quotidiana aiuta a formare la nostra coscienza, aiuta anche a lottare contro le cattive inclinazioni, aiuta a lasciarci guarire e quindi sperimentare questo balsamo sulla nostra vita e aiuta a progredire nella vita dello spirito.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DAL BLOG MOGLI E MAMME PER VOCAZIONE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni