Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 05 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconFor Her
line break icon

«Carissimi bambini, proviamo ad avere fede come un granellino di senape?»

CHILD, READING, LETTER

Galleria Laureata | Shutterstock

Aleteia - pubblicato il 12/03/20

La lettera di un parroco ai bimbi del catechismo e alle loro famiglie: questa epidemia ci fa scoprire che siamo fragili, ma anche che tutto è dono.

Di Don Pierre Laurent Cabantous (Parrocchia Concattedrale Santa Maria Assunta di Cervia)

Carissimi amici,
mi mancate tanto!
E’ per questa ragione che ho pensato di scrivervi: per dirvi che in questi giorni difficili sono vicino a voi e alle vostre famiglie con la preghiera e per condividere con voi alcune riflessioni.
Questo virus ha messo in evidenza una grande verità: l’uomo è fragile. Ma rendersi conto di questo mette in risalto anche un’altra verità: tutto è dono.




Leggi anche:
Cari ragazzi, non siete chiusi in casa. Siete protagonisti di un’impresa eroica!

Sì, tutto è dono: la vita, la salute, la famiglia, gli amici, la scuola, la natura, ecc…, ma il dono più grande è la fede. Sì, la fede. Infatti, voglio ricordarvi questo episodio del Vangelo e le parole di Gesù:

Appena ritornati presso la folla, si avvicinò a Gesù un uomo che, gettatosi in ginocchio, gli disse: «Signore, abbi pietà di mio figlio. Egli è epilettico e soffre molto; cade spesso nel fuoco e spesso anche nell’acqua; l’ho già portato dai tuoi discepoli, ma non hanno potuto guarirlo». E Gesù rispose: «O generazione incredula e perversa! Fino a quando starò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatemelo qui». E Gesù gli parlò minacciosamente, e il demonio uscì da lui e da quel momento il ragazzo fu guarito. Allora i discepoli, accostatisi a Gesù in disparte, gli chiesero: «Perché noi non abbiamo potuto scacciarlo?». Ed egli rispose: «Per la vostra poca fede. In verità vi dico: se avrete fede pari a un granellino di senapa, potrete dire a questo monte: spostati da qui a là, ed esso si sposterà, e niente vi sarà impossibile. (Mt 17, 14-20).

Dobbiamo proprio chiedere a Gesù di far crescere la nostra fede, almeno pari ad un granellino di senape, che è un seme piccolissimo.




Leggi anche:
E se quest’epidemia fosse l’inizio di un risveglio?

Allora ho una proposta da farvi: invece di diventare invorniti e rimbambiti per il troppo tempo davanti alla TV e/o al computer, diamoci un “appuntamento” spirituale, insieme alle vostre catechiste: ogni giorno, a mezzogiorno, diciamo insieme un “Padre Nostro”, una “Ave Maria” e la preghiera all’ “Angelo custode”. Sarà un modo per essere uniti e per chiedere al Signore, con fede, di affrontare con coraggio questa prova e che questo virus sia sconfitto al più presto.
Inoltre, vi chiedo in questi giorni di “vacanza forzata” di non scordarvi della Preghiera del mattino e della sera (sono preghiere con parole bellissime).
Con l’aiuto delle catechiste, mi permetterò, le prossime Domeniche, di far giungere a voi e alle vostre famiglie le letture e il Vangelo del giorno con un breve commento.
Chiediamo la grazia di poter celebrare – con grande gioia – gli appuntamenti che ci attendono a Maggio: la 1a S.Comunione e la Santa Cresima!
Vi abbraccio uno ad uno e termino con questo messaggio del Papa:

Stasera prima di addormentarvi pensate a quando torneremo in strada. A quando ci abbracceremo di nuovo, a quando fare la spesa tutti insieme ci sembrerà una festa. Pensiamo a quando torneranno i caffè al bar, le chiacchiere, le foto stretti uno all’altro. Pensiamo a quando sarà tutto un ricordo ma la normalità ci sembrerà un regalo inaspettato e bellissimo. Ameremo tutto quello che fino ad oggi ci è sembrato futile. Ogni secondo sarà prezioso. Le nuotate al mare, il sole fino a tardi, i tramonti, i brindisi, le risate. Torneremo a ridere insieme. Forza e coraggio. Ci vediamo presto!

Vi voglio bene!

Tags:
catechismocoronavirussacerdote
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
JOE BIDEN
Francisco Vêneto
Un sacerdote ha negato a Joe Biden la Comunio...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Little Sisters Disciples of the Lamb
Cerith Gardiner
Conoscete l'ordine religioso che accoglie suo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni