Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 06 Dicembre |
San Nicola di Myra (o di Bari)
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

«Carissimi bambini, proviamo ad avere fede come un granellino di senape?»

CHILD, READING, LETTER

Galleria Laureata | Shutterstock

Aleteia - pubblicato il 12/03/20

La lettera di un parroco ai bimbi del catechismo e alle loro famiglie: questa epidemia ci fa scoprire che siamo fragili, ma anche che tutto è dono.

Di Don Pierre Laurent Cabantous (Parrocchia Concattedrale Santa Maria Assunta di Cervia)

Carissimi amici,
mi mancate tanto!
E’ per questa ragione che ho pensato di scrivervi: per dirvi che in questi giorni difficili sono vicino a voi e alle vostre famiglie con la preghiera e per condividere con voi alcune riflessioni.
Questo virus ha messo in evidenza una grande verità: l’uomo è fragile. Ma rendersi conto di questo mette in risalto anche un’altra verità: tutto è dono.




Leggi anche:
Cari ragazzi, non siete chiusi in casa. Siete protagonisti di un’impresa eroica!

Sì, tutto è dono: la vita, la salute, la famiglia, gli amici, la scuola, la natura, ecc…, ma il dono più grande è la fede. Sì, la fede. Infatti, voglio ricordarvi questo episodio del Vangelo e le parole di Gesù:

Appena ritornati presso la folla, si avvicinò a Gesù un uomo che, gettatosi in ginocchio, gli disse: «Signore, abbi pietà di mio figlio. Egli è epilettico e soffre molto; cade spesso nel fuoco e spesso anche nell’acqua; l’ho già portato dai tuoi discepoli, ma non hanno potuto guarirlo». E Gesù rispose: «O generazione incredula e perversa! Fino a quando starò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatemelo qui». E Gesù gli parlò minacciosamente, e il demonio uscì da lui e da quel momento il ragazzo fu guarito. Allora i discepoli, accostatisi a Gesù in disparte, gli chiesero: «Perché noi non abbiamo potuto scacciarlo?». Ed egli rispose: «Per la vostra poca fede. In verità vi dico: se avrete fede pari a un granellino di senapa, potrete dire a questo monte: spostati da qui a là, ed esso si sposterà, e niente vi sarà impossibile. (Mt 17, 14-20).

Dobbiamo proprio chiedere a Gesù di far crescere la nostra fede, almeno pari ad un granellino di senape, che è un seme piccolissimo.




Leggi anche:
E se quest’epidemia fosse l’inizio di un risveglio?

Allora ho una proposta da farvi: invece di diventare invorniti e rimbambiti per il troppo tempo davanti alla TV e/o al computer, diamoci un “appuntamento” spirituale, insieme alle vostre catechiste: ogni giorno, a mezzogiorno, diciamo insieme un “Padre Nostro”, una “Ave Maria” e la preghiera all’ “Angelo custode”. Sarà un modo per essere uniti e per chiedere al Signore, con fede, di affrontare con coraggio questa prova e che questo virus sia sconfitto al più presto.
Inoltre, vi chiedo in questi giorni di “vacanza forzata” di non scordarvi della Preghiera del mattino e della sera (sono preghiere con parole bellissime).
Con l’aiuto delle catechiste, mi permetterò, le prossime Domeniche, di far giungere a voi e alle vostre famiglie le letture e il Vangelo del giorno con un breve commento.
Chiediamo la grazia di poter celebrare – con grande gioia – gli appuntamenti che ci attendono a Maggio: la 1a S.Comunione e la Santa Cresima!
Vi abbraccio uno ad uno e termino con questo messaggio del Papa:

Stasera prima di addormentarvi pensate a quando torneremo in strada. A quando ci abbracceremo di nuovo, a quando fare la spesa tutti insieme ci sembrerà una festa. Pensiamo a quando torneranno i caffè al bar, le chiacchiere, le foto stretti uno all’altro. Pensiamo a quando sarà tutto un ricordo ma la normalità ci sembrerà un regalo inaspettato e bellissimo. Ameremo tutto quello che fino ad oggi ci è sembrato futile. Ogni secondo sarà prezioso. Le nuotate al mare, il sole fino a tardi, i tramonti, i brindisi, le risate. Torneremo a ridere insieme. Forza e coraggio. Ci vediamo presto!

Vi voglio bene!

Tags:
catechismocoronavirussacerdote
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni