Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 30 Novembre |
Sant'Andrea
home iconStorie
line break icon

Francesco De Gregori: vi spiego l'arte della narrazione secondo Papa Francesco

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 11/03/20

Il noto cantautore: "Il Papa parla di racconti belli, racconti veri e buoni, forse è un modo di dire che debbano non solo essere belli esteticamente"

Qualche settimana fa, il 24 gennaio, il Papa ha pubblicato il Messaggio per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali e ha parlato della necessità della narrazione, che ci sia chi abbia la capacità e il coraggio di raccontare storie buone, perché altrimenti prevarrebbe lo smarrimento, il disorientamento, la resa al dominio della chiacchiera e delle narrazioni false e negative, manipolative e scoraggianti (Vatican News, 5 marzo).

Francesco De Gregori, uno dei massimi “narratori” della canzone italiana, è rimasto molto colpito dalle parole di Francesco e ne ha parlato nel corso di un’intervista sull’Osservatore Romano (5 marzo).

«La prima cosa che mi ha colpito nella riflessione del Papa è una cosa piccola piccola che in qualche modo mi riguarda personalmente: il fatto che egli non abbia nessun problema a mettere accanto alla letteratura e al cinema anche le canzoni. Questo non è affatto scontato. E’ difficile che le canzoni sono considerate cultura, raramente ciò che “raccontano” le canzoni viene invitato alla stessa tavola delle arti cosiddette ‘maggiori’».

FRANCESCO DE GREGORI
Flickr/RemoTomasi/CC




Leggi anche:
Aver ascoltato le stesse storie aiuta gli uomini a riconoscersi

L’affresco ai Musei Vaticani

D’altra parte, prosegue De Gregori, «la Chiesa è stata spesso anticipatrice di atteggiamenti e di aperture analoghe. Pochi giorni fa ho visitato i Musei Vaticani e lungo il corridoio dei candelabri, ho ammirato sul soffitto un bellissimo affresco della fine dell’800 dedicato alle arti e fra queste è compresa, seppure collocata ai piedi delle consorelle, anche la fotografia, incredibile! ben prima che questa venisse riconosciuta come un’espressione artistica e narrativa autonoma».

Nell’affresco, «una primitiva macchina fotografica, una semplice cassetta con un rudimentale obiettivo, sicuramente una delle prime mai sperimentate, è raffigurata accanto ad un telaio. L’arte della narrazione accanto a quella della tessitura quindi. Ambedue raccontano. Un unico ‘testo’, come dice il Papa, avvolge l’uomo e coinvolge l’umanità».

I tre requisiti di Papa Francesco

Dei tre requisiti che Papa Francesco indica come proprietà fondamentali delle storie di cui ha bisogno l’umanità, il vero, il bello, il buono, è il primo quello che più colpisce il cantautore romano. «Sì, il Papa parla di racconti belli, racconti veri e buoni, forse è un modo di dire che debbano non solo essere belli esteticamente ma avere a che fare direttamente, concretamente, con la vita, essere capaci di trasformarla».


MOGOL

Leggi anche:
Mogol, il suo sguardo da poeta e il messaggio di Lucio Battisti dall’aldilà

“Come il mal di denti”

Il punto, sottolinea De Gregori, «è che la vita, e questi tre aspetti fondamentali di essa, sono un po’ come il poligono e il mal di denti di cui parla Borges (ho trovato questo splendido esempio proprio leggendo L’Osservatore Romano): solo il primo è chiaramente definibile, mentre il bello, il vero e il buono sono tre concetti difficili da definire, somigliano piuttosto al mal di denti di cui tutti abbiamo esperienza ma che sfugge ad una descrizione precisa. Mi sembra però che nel “vero” possano rientrare anche gli altri due, senza troppe forzature».

POPE AUDIENCE
Antoine Mekary | ALETEIA

L’artista onesto

Per chi produce racconti, conclude, «per chi tesse la trama sia del reale che dell’immaginario, per chi se ne lascia vestire ascoltando, leggendo, abitando una grande casa comune. È la verità che informa il lavoro dell’artista, se l’artista è un artista onesto (non necessariamente un ‘grande artista’)».




Leggi anche:
Guccini: “Il Papa? Rivoluzione vera”

Tags:
francesco de gregoripapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Philip Kosloski
A cosa somiglia davvero il Paradiso secondo s...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni