Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 16 Aprile |
Santa Bernadette Soubirous
home iconFor Her
line break icon

Stare senza poter far niente, ma senza fuggire: in questa fatica Dio è qui con noi

GIRL, CLOSED, WINDOW

Irina Polonina | Shutterstock

Piovono Miracoli 2.0 - pubblicato il 09/03/20

In questa normalità stravolta non c'è solo la paura ma anche la nostalgia: il dolore che sentiamo nella lontananza da qualcuno, che è misura dell’amore che ci lega. E il Signore non mancherà di farsi presente accanto a noi.

di Anna Mazzitelli

Incurante del coronavirus la primavera sta riempendo gli alberi di nuove foglie, di gemme e di fiori.

Come quando passavamo le nostre primavere dietro i vetri sigillati di un padiglione del san Camillo, con il tempo sospeso, e fuori invece la vita andava avanti senza di noi.

Ma a parte la natura che sembra non accorgersi di nulla, tutto il resto è come congelato.

Niente scuola, niente catechismo, niente incontri, distanza di sicurezza, palestre chiuse, cinema chiusi, e nessuno si lamenta nemmeno più.

È uno stato di guerra.


ROSARY, HANDS, PRAY,

Leggi anche:
Per spezzare la catena del Coronavirus preghiamo tutti insieme la corona del Rosario!

E sì che spesso me ne sono uscita con la frase “ci vorrebbe un po’ di guerra per sistemare questo mondo che sembra andare allo sfascio”… eccomi accontentata.

Ma oggi ho il cuore spezzato, perché hanno deciso di chiudere anche le chiese. Hanno deciso di sospendere le messe.

Stamattina a messa non ho fatto che piangere, e anche se non è una novità che mi faccio tutta la messa in lacrime, oggi erano lacrime di panico all’idea che potesse essere, almeno per il momento, l’ultima messa alla quale potevo partecipare, l’ultima comunione che potevo ricevere, chissà fino a quando.

E pensare che proprio stamattina ho detto alle mie amiche Chiara e Cristina che le avrei portate a messa con me, loro e tutti i loro amici, i loro affetti, loro che già da qualche settimana sono in un regime di messe sospese. Non pensavo, quando dicevo loro quelle cose, che di lì a poche ore mi sarei trovata io stessa in questa situazione: niente messa, niente Eucaristia.


COMMUNION LINE,WOMAN SITTING IN PEW

Leggi anche:
Non potete ricevere l’Eucaristia? Ecco come realizzare la Comunione spirituale

Proprio in questo momento in cui le discussioni sulla messa e sulla liturgia sono pane quotidiano, a casa nostra, eccoci al punto in cui nessuna messa, nessuna liturgia ci è concessa.

Un sogno fatto stanotte, che ho raccontato solo alla mia amica, perché solo lei crede nei sogni come ci credo io, mi conforta: non importa quale messa, quello che importa è con chi e con Chi ci vai, chi e Chi incontri, e quanto questo incontro ti raggiunge il cuore, ti toglie il sasso che hai al suo posto, e ti regala un cuore di carne.


MUM, KIDS, HOME

Leggi anche:
Tutti sotto lo stesso tetto senza scappatoie, sarà dura ma ne saremo grati

Ho sentito parlare di umiltà, in queste ore, e sebbene non sappia proprio che cosa sia, comprendo che ha a che fare con lei, la capacità di non perdersi in questa situazione.

E mi risuona in testa la parola nostalgia, come il dolore che sentiamo nella lontananza da qualcuno, che è misura dell’amore che ci lega, un dolore buono, quindi, un dolore che è pieno di significato.

Eppure, nonostante la fiducia nella promessa, il ricordo che tante volte, in passato, è andata così -sembrava tutto perduto, e invece era solo l’inizio di qualcosa di migliore- la certezza che questa difficoltà sia preparazione a un bene più grande, e che il Signore non si farà scappare questa opportunità per trovarci, e raggiungerci, ovunque ci andiamo a rintanare, resta la paura, perché è inutile che ci prendiamo in giro, la croce è croce, e nessuno la vuole, nessuno la porta volentieri, e finché ci stai sotto non pensi ad altro che al momento in cui riuscirai a liberartene.

E’ così difficile vivere la morte e la resurrezione contemporaneamente, il dolore e la letizia, il caos e l’ordine, lo strazio e la bellezza insieme.

Magari è arrivato il momento in cui mi è chiesto di imparare davvero a stare. Stare, senza poter fare niente, ma stare, senza fuggire. Stare.

Ecco che la parola “umiltà” prende una forma più comprensibile. Stare senza poter fare niente, senza la pretesa di cambiare le cose e senza la presunzione di capirle o giudicarle, stare e basta.

Quanto incessantemente bisogna pregare per poter essere così?

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL BLOG PIOVONO MIRACOLI

Tags:
coronavirusfamigliapreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni