Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconSpiritualità
line break icon

“Non credo... ma mi piacerebbe credere”. Come parlare agli altri dell'esistenza di Dio?

PERSEIDS

nasa.gov

Catholic Link - pubblicato il 09/03/20

di padre César Ruiz, missionario comboniano

Un giorno, il mio migliore amico era pensieroso, e con una certa preoccupazione mi ha detto: “César, io non credo”. Gli ho risposto “Dai, avrai qualche dubbio come tutti!”, ma ha insistito: “No, no, non credo… ma mi piacerebbe credere”. Allora gli ho detto: “Beh, fai come se credessi”.

Mi ha risposto: “Ma sarebbe un’ipocrisia”. In seguito, spinto dal desiderio di aiutare il mio amico a recuperare la fede e il senso della vita, ho iniziato a leggere qualche articolo sull’esistenza di Dio. A mo’ di introduzione ho trovato una parabola del teologo presbiteriano John Hick che riflette l’atteggiamento di credenti e non credenti.

Parabola di John Hick

“Due uomini avanzano insieme lungo una strada. Uno di loro è convinto che quel percorso conduca alla città celeste, mentre l’altro sostiene che non porta da nessuna parte. Visto che non c’è altra strada, però, viaggiano insieme. Nessuno dei due ha mai percorso quell’itinerario, e per questo nessuno può dire cosa troverà dietro ogni curva. Durante il viaggio vivono momenti facili e gioiosi, ma anche momenti difficili e pericolosi.

Per tutto il tempo, uno di loro pensa al viaggio come a un pellegrinaggio alla città celeste.

Interpreta i momenti gradevoli come stimoli, e gli ostacoli come prove. Lezioni di perseveranza, preparate dal re di quella città e destinate a fare di lui un abitante degno del luogo verso il quale si è incamminato.

L’altro, però, non crede a nulla di questo, e considera il viaggio una marcia inevitabile e senza obiettivo.

Visto che non c’è opzione, si gode il bene e sopporta il male. Per lui non esiste alcuna città celeste da raggiungere, né una finalità che dia senso al suo viaggio. Esistono solo il cammino e le sue vicissitudini, nel bene e nel male.

I due non hanno aspettative diverse su quello che incontreranno sul loro cammino, ma solo sulla loro destinazione ultima. Svoltando l’ultima curva si vedrà che uno ha avuto per tutto il tempo ragione, e che l’altro si era sempre sbagliato”.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
diofede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni