Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Bambino di 6 anni porta una mela in dono a Gesù per ringraziarlo per una grazia ricevuta

Condividi

“Grazie mille, Gesù! Ti porto una mela perché mi piace e so che piacerà anche a te”

Il piccolo Daniel Oliveira, di 6 anni, è autore di un insolito biglietto trovato da un insegnante nella cappella della scuola, sull’altare, accanto a una mela:

“Gesù, grazie per aver esaudito la mia preghiera. Spero che la mela ti piaccia”.

La riconoscenza di Daniel si riferisce a un episodio triste: lui e la madre, Evelyn Oliveira, hanno subìto una rapina in cui il ladro ha rubato lo zaino del piccolo pensando che contenesse il cellulare della madre.

Marley Oliveira, il padre di Daniel, ha riferito al sito comshalom.org che il bambino era molto triste:

“È andato sul balcone, e guardando il cielo ha detto: ‘Gesù, per favore, fa’ che quell’uomo mi restituisca le mie cose. Mi piacciono tanto il mio portapranzo, il mio zaino e i miei libri… Per favore!’”

Secondo Marley, una signora ha aiutato a recuperare le cose di Daniel, che due giorni dopo aveva di nuovo tutto ciò che desiderava.

Sullo stesso balcone, il bambino si è rivolto di nuovo a Gesù, questa volta per ringraziare:

“Grazie mille, Gesù! Ti porto una mela perché mi piace e so che piacerà anche a te”.

Daniel ha allora messo la mela nel luogo in cui incontra sempre Gesù, la cappella della scuola.

Il papà ha riassunto la lezione:

“Abbiamo visto quanto siamo piccoli. A volte vogliamo dire tante cose belle per risultare graditi a Dio, ma è quando parliamo con semplicità che ci ascolta”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni