Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 22 Febbraio |
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Paolo Bonolis: prego e ricordo i defunti più cari anche se non credo in Dio

bonolis-io-credo-2.jpg

Tv2000-Youtube

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 05/03/20

Il popolare presentatore televisivo racconta la sua spiritualità su Tv2000: La sera, sempre, apro con le preghiere che mi hanno insegnato. Ho fatto le scuole dai preti, quindi m’hanno insegnato Padre nostro, Ave Maria, Gloria al Padre

«Sono una persona molto timida. Realmente, lo sono sempre stato. Sono timido soprattutto nell’esplicazione dei sentimenti e nell’incrociare gli altri».

Lo racconta Paolo Bonolis nella terza puntata del programma ‘Io credo’, andato in onda su Tv2000 (canale 28 e 157 Sky) lunedì 2 marzo, condotto da don Marco Pozza.

bonolis-io-credo-1.jpg
Tv2000-Youtube

“Ho un’anima esibizionista”

«Quando vedo gli entusiasmi – ha aggiunto Bonolis a Tv2000 – quando ci si incontra, io ho sempre un po’ di difficoltà. Perché non conosco. Lento pede, cominciamo a conoscerci e mi sta bene. Però mi piace il rapporto de visu: insomma, devo parlare con una persona per poterla comprendere. Sono sempre stato molto timido. Fin da ragazzino, nelle feste stavo nell’angoletto: stavo bono bono, lì, perché sono timido fondamentalmente».

Però, ha proseguito il presentatore, «ho anche un’anima di volontà di raccontare, e quindi esibizionista. E per permettere a questa anima esibizionista, che ha voglia di raccontare, di potersi esprimere, ho avuto la fortuna di incrociare questo lavoro. Perché ho la maschera del lavoro: mi sono riuscito a nascondere dove c’è più luce».




Leggi anche:
Carlo Verdone: quando sono avvilito, faccio una “telefonata” con Dio e mi sento meglio!

Le persone che non ci sono più

Bonolis nell’intervista a Tv2000 ha parlato anche del suo rapporto con Dio e la fede: «Non credo in Dio, non ho un oggettivo ‘credo’, mi fermo al ‘so’. La sera, sempre, apro con le preghiere che mi hanno insegnato (ho fatto le scuole dai preti, quindi m’hanno insegnato Padre nostro, Ave Maria, Gloria al Padre). Apro con queste perché questo mi dà l’idea di poter aprire questa porta e rivolgermi con gratitudine e salutare tutte quelle persone che sono passate attraverso la mia vita e adesso non ci sono più. E le saluto, da mio padre a persone che ho incrociato per un attimo, ma evidentemente qualche impronta l’hanno lasciata, al punto che me le ricordo ancora e le saluto prima d’addormentarmi. Tutto qua».

“Esploro le persone che ho di fronte”

Uno dei presentatori più conosciuti nel panorama italiano televisivo si è raccontato ai microfoni di Tv2000 a viso aperto: «Volevo esplorare il mondo» poi, «sinceramente, s’era esplorato praticamente tutto. Mentre un luogo sempre esplorabile, eternamente in mutazione, è quello della persona che hai di fronte. La persona che hai di fronte è sempre un territorio nuovo e mi piace l’idea, nelle trasmissioni che faccio, di incrociare persone sempre differenti».

Il sorriso

Infine un pensiero sul sorriso definito da Bonolis come «il miglior antibiotico all’esistenza: quando riesci a sorridere o a ridere, di qualunque cosa, non in continuazione (sennò sei rimbambito), se riesci a farlo con serenità, stai concedendo – a te stesso, a chi sta intorno e alla vita stessa – parecchia luce».


Bonolis e Uan

Leggi anche:
Bonolis & Manson: il diavolo passa dalla televisione?

Tags:
diofedepreghieraspiritualità
Top 10
See More