Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
For Her

Quando la giustizia degli uomini è pura vendetta, chi ci salva?

CHILD, KENYA, CRYING

africa924 | Shutterstock

Fraternità San Carlo Borromeo - pubblicato il 04/03/20

Una storia atroce dal Kenya: un furto punito con la morte inflitta dalla folla inferocita. E poi il grido di un sacerdote: "Voi non siete Dio!"

di Alfonso Poppi,  parroco di St. Joseph a Nairobi 

Alcuni giorni fa, leggendo il giornale, sono rimasto colpito da una notizia: il Kenya era stato classificato come il Paese più generoso di tutta l’Africa! Quando domenica scorsa, celebrando la messa in università, ho fatto riferimento a questo dato, mi ha sorpreso che il popolo sia scoppiato in una risata. Quel riso era lo specchio di una diversa coscienza della realtà. Secondo un’altra statistica, infatti, il Kenya figura tra i primi 30 Paesi al mondo per il divario tra ricchi e poveri, tra i primi 40, per la violenza sociale.


NIGERIA, ESEOSA, ORFANOTROFIO

Leggi anche:
La vocazione di Eseosa: tornare in Nigeria per costruire una casa a Dio

Al ritorno dalla celebrazione, ho avuto modo di rendermi conto di persona dell’attendibilità di certe statistiche. Sto percorrendo la strada che porta all’entrata della nostra zona, quando mi accorgo che il flusso di gente è molto più alto del normale. Tutti corrono a vedere, un camion addirittura si è fermato davanti al cancello. Per un attimo, provo la tentazione di mettere la freccia, sorpassare il camion e raggiungere casa da un’altra parte. Ma alla fine, mi fanno spazio. La guardia non è al suo posto, la strada è piena di gente armata di bastoni, barre di ferro, falcetti. Suono il clacson e ritorna la guardia che mi apre. Scendo, mi avvicino: in mezzo alla strada giace supina una persona esanime. Vedo i volti intorno pieni di odio e violenza. Quell’uomo ha rubato, è stato scoperto e inseguito da una folla di persone che si sono armate per dargli una lezione che di solito è la morte. Mob justice, la chiamano.

©Anna Raisa Favale/Aleteia

Guardo l’uomo, guardo tutti in faccia, fisso quello che grida di più. Sopravviene un silenzio incredibile di fronte alla presenza di un sacerdote. Con voce tonante, urlo: “Ninyi si Mungu!”, “Voi non siete Dio!”. Il più furioso tra loro mi guarda, ma poi abbassa gli occhi e la spranga. Mi inginocchio vicino all’uomo: ha il volto insanguinato, un occhio pesto, fa fatica a respirare. Prendo un lembo della sua giacca e gli pulisco il viso; mi guarda incredulo con l’altro occhio e dice una parola: “Acqua!”. Ha la bocca riarsa. Penso al volto di Gesù. La folla mi guarda in silenzio. Tra i volti che ho intorno, noto quello di una giovane donna: la imploro di portarmi un po’ d’acqua per lavare il viso a quel poveraccio. Corre via velocemente ma non torna più: la trattiene la suocera, temendo che la folla la uccida. Un minuto prima del mio arrivo, infatti, era stata lei a buttare un secchio d’acqua addosso all’uomo, cosparso di benzina cui era già stato appiccato il fuoco.


BUSINGYE, TOMMASI, MEETING

Leggi anche:
Non vedo un povero ma un uomo dal valore infinito

Con un filo di voce, lui dice: “Portami via”. Da solo non riesco a caricarlo in macchina. Alzo gli occhi e guardo la gente intorno, mentre metto le mani sotto le ascelle del poveretto. Un uomo butta a terra uno strumento dalla lunga lama di ferro e mi aiuta prendendo le gambe della vittima. Ci avviamo sotto gli occhi della folla, incredula di fronte a quello che vede e sente. Compriamo una bottiglia d’acqua per strada e ci fermiamo alla polizia per denunciare quello che è successo. Mob justice, decretano. Che cosa ha fatto quell’uomo? Nessuno lo sa. Chi lo accusa? Nessuno, certamente non io. Lo portiamo all’ospedale, ricevuti con freddezza dall’infermiera. Finalmente, la macchina ospedaliera si mette in moto e il nostro è su un lettino. Con un filo di voce mi dice il suo nome. Recitiamo insieme un Pater, Ave, Gloria: lo benedico. Lui ripete: “Thank you, Father”.

Al ritorno in parrocchia, trovo la giovane donna cui avevo chiesto l’acqua: vuole ringraziarmi. Mi accorgo che quello che è accaduto ci ha fatto diventare familiari in Cristo.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA FRATERNITÀ SAN CARLO

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
africamissionevendetta
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni