Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Coronavirus, video appello del sindaco di Castiglione: “Ci sentiamo soli, aiutateci”

Youtube
Condividi

15 morti negli ultimi giorni, centinaia di persone rintanate in casa e la paura del contagio sempre più forte. Chiesto un aumento dei posti letti negli ospedali limitrofi

Quindici morti per coronavirus in pochi giorni e circa un centinaio di contagiati, l’appello del sindaco di Castiglione d’Adda, in provincia di Lodi: «Ci sentiamo soli, aiutateci».

Sempre lontano dai riflettori, ma vicino ai concittadini, cercando di risolvere i problemi quotidiani portati dall’emergenza sanitaria in corso, questa volta il sindaco di Castiglione Costantino Pesatori si affida a un video per chiedere aiuto.

“Troppi morti in paese”

Un filmato, subito diventato virale anche grazie a YouTube. «In paese ci sono stati troppi morti (in tutto 15) e si registrano parecchi infetti (circa un centinaio) non curati adeguatamente, aiutateci piuttosto con medici dell’Esercito».

Nei giorni scorsi in paese è stato un continuo andirivieni di ambulanze in sirena. La località, inclusa nella zona rossa, sembra infatti essere la più colpita e i suoi soli 4.650 abitanti iniziano ad avere paura (Il Giorno, 4 marzo).

“Non sappiamo neanche i nomi di queste persone”

«Ci sentiamo soli – ha detto il primo cittadino – tanta gente è ammalata e non ha l’assistenza necessaria. Vi chiedo di esserci di aiuto, di istituire presidi di urgenza presso l’ospedale di Codogno o Casalpusterlengo. Abbiamo la necessità di avere un’assistenza sanitaria adeguata».

In un’intervista a LaPresse (4 marzo), successiva alla diffusione di questo video, il sindaco ha poi precisato: «Io non dico che tutti siano morti di coronavirus, noi non sappiamo neanche i nomi di queste persone. Li veniamo a sapere solo perché poi i familiari vengono per la sepoltura a chiedere in comune. Certo da giovedì scorsi abbiamo avuto 15 decessi ma ripeto, non so se sono tutti da coronavirus» (La Repubblica, 4 marzo).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni