Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Santi Crispino e Crispiniano
Cultura

Bariona, l'opera cristiana di Jean-Paul Sartre

SARTRE

Shutterstock | Marusya Chaika

Manuel Ballester - pubblicato il 03/03/20

Un'opera sul Natale, scritta quando l'autore era prigioniero dei tedeschi nel 1940 e che poi ha voluto dimenticare

Nella misura in cui la sofferenza e la libertà sono qualcosa di più di semplici parole, all’uomo si apre la possibilità di negare validità al mondo, di rifuggire la sua collaborazione nel mantenimento di uno stato di cose che lo repelle.

La libertà reale mette in mano all’uomo non solo se stesso, ma anche il suo modo di vivere e di sentire il mondo. Dio potrebbe annullare la libertà, ma allora non avremmo più un uomo; per questo, “contro un uomo libero, neanche Dio stesso può nulla”.

La libertà può portarci alla negazione di un futuro, al rifiuto di quello che ci trascende o, in altri termini, all’accettazione lucida della miseria del mondo. È questo lo stato che chiamiamo disperazione.

In questo universo in cui l’uomo affronta se stesso e gli altri in base alla sua libertà, con il carico della sofferenza e dell’oppressione, c’è posto per Dio, c’è spazio per la speranza?

Si tratta, come si sa, di questioni che hanno occupato in modo centrale l’attività intellettuale di Jean Paul Sartre (Parigi, 1905-1980). Il suo anticristianesimo belligerante e il suo attivismo politico pro-comunista indicano la sua opzione al riguardo. Per questo lo stesso Sartre ha contribuito a non diffondere la sua prima opera teatrale, Bariona, o il figlio del tuono, scritta e interpretata nel campo di prigionia Stalag 12D (Treviri) nel Natale 1940.

Alcuni prigionieri cattolici che assistettero alla rappresentazione conservarono delle copie e gli chiesero l’autorizzazione per pubblicare e rappresentare l’opera. Nel 1962 Sartre acconsentì, aggiungendo un prologo in cui “giustificava” il suo trattamento della “mitologia” cristiana, ma chiarendo che Bariona non rappresentava una rottura con il suo pensiero, ma un mero avvicinamento estetico alla questione del Natale.

Le circostanze che circondano la scrittura e la prima rappresentazione, come anche l’approccio di Sartre alla stessa questione nelle sue opere successive, non mancano di interesse. È segnalato, ma in questa critica ci limiteremo all’opera citata.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
natalescrittore
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni