Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Prima Messa dopo cinque secoli nella cattedrale di Ginevra

web2-cathedrale-st-pierre-geneve-flickr.jpg
Condividi

Considerata un luogo di culto emblematico del protestantesimo, la cattedrale di Saint-Pierre a Ginevra accoglierà per la prima volta dalla Riforma calvinista una Messa cattolica. L’evento corona un vero avvicinamento ecumenico tra le comunità cristiane della città

Per la prima volta dal 1535, si potrebbe celebrare una Messa cattolica nella cattedrale di Saint-Pierre a Ginevra. Questa magnifica cattedrale, tempio protestante per cinque secoli, darà il benvenuto alla comunità cattolica di Ginevra e sarà segno di unità spirituale tra le due comunità.

Audacia impensabile

Non è un avvenimento da poco. All’origine del progetto c’è una conversazione tra il sacerdote cattolico Pascal Desthieux, vicario del cantone di Ginevra, e uno dei suoi amici pastori sulla Messa che si celebra ogni anno da ormai quindici anni nella cattedrale protestante di Losanna.

Per il presbitero cattolico, la prospettiva di una Messa simile a Ginevra sarebbe “magnifica” ma molto improbabile, ma grazia all’audacia del suo amico pastore e dei suoi colleghi l’impensabile diventerà realtà.

Dal XVI secolo, Ginevra ha reclamato fortemente l’appartenenza della cattedrale di Saint-Pierre alla Chiesa protestante. La notizia di una Messa cattolica nella cattedrale ha suscitato emozione. Si mette in discussione il luogo di culto emblematico del protestantesimo nella città di Calvino?

Impulso ecumenico

Per sessant’anni, tuttavia, cattolici e protestanti si sono uniti formando una corrente ecumenica viva, cresciuta costantemente dal Concilio Vaticano II. Lo testimoniano il caloroso benvenuto dato a Papa Francesco da tutte le comunità cristiane nel giugno 2019 e il messaggio del Santo Padre al Consiglio Mondiale delle Chiese durante quel viaggio apostolico.

La Messa nella cattedrale di Ginevra, che doveva aver luogo in questi giorni ma è stata rimandata per via delle misure a seguito del coronavirus, che limitano le manifestazioni con più di mille persone, risuona come un’eco della visita papale e corona l’impulso ecumenico che ha animato pastori, sacerdoti e agenti pastorali laici nei vari campi della vita sociale e pastorale a Ginevra per decenni.

È su invito dei fratelli protestanti che avrà quindi luogo questa prima Messa dal 1536. In varie occasioni, padre Desthieux ha espresso la propria gratitudine sui mezzi di comunicazione francofoni e all’interno della comunità protestante, specialmente durante la Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni