Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Beato Charles de Foucauld
home iconSpiritualità
line break icon

In base alla persona in cui riponi la tua fiducia, il male ti fa solo vacillare o ti schiaccia

Strels / Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 02/03/20

La Parola di Dio ha più forza di quella del demonio

In mezzo al deserto, alla fame, alla solitudine, Gesù è stato tentato. Anche in questo ha voluto essere simile a me. Ha voluto essere come me in tutto tranne che nel peccato.

Essere tentato non è lo stesso che essere peccatore. Pecco quando cedo alla tentazione, quando mi lascio trascinare da quello che mi accade e mi attira e non è un bene per la mia vita.

Il demonio, come Dio – per questo è chiamato scimmia di Dio -, seduce, convince, attira, suggerisce, propone.

Il demonio, che esiste davvero, anche se spesso preferirei che fosse una mia invenzione, mi porta sul suo terreno. Approfitta della mia stanchezza, della mia tristezza, della mia ansia, del mio stress.

Approfitta dei miei momenti di debolezza per imporsi sulla mia volontà e vincere con le sue insinuazioni.

Gesù ha subìto le tentazioni nel momento peggiore, quando aveva fame e sete, quando non sapeva bene che passi doveva compiere nel suo cammino dopo il Battesimo nel fiume Giordano.

E vacillava di fronte a un futuro incerto davanti ai suoi occhi, una cosa tanto diversa dalla sua vita a Nazareth. In quel momento gli è apparso davanti il demonio:

“Il tentatore gli si avvicinò e gli disse”.

Appare per tentarlo con beni possibili. Di cosa ho fame? Di pane, di successo, di gloria, di comodità, di piaceri, di benessere…

Ho fame dell’eternità, anche se non so come sarà possibile. Voglio un potere che non finisca mai, un amore che non passi, una vita che sia per sempre.

Voglio che mi servano, e non vivere servendo. Voglio essere riconosciuto, e non vivere ignorato. Voglio essere amato, non odiato.

E il demonio guarda Gesù e lo tenta nelle cose più sacre:

“Se tu sei Figlio di Dio, di’ che queste pietre diventino pane”.

Se è davvero quello che è, figlio dell’Altissimo, trasformi una pietra in pane. Recuperi tutti i suoi poteri.

Non è possibile. Gesù ha rinunciato ad essere onnipotente tra gli uomini. Si è sottoposto al tempo e allo spazio. Ha assunto la mia carne. E non farà mai miracoli che lo favoriscano.

  • 1
  • 2
Tags:
parola di dio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni