Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 28 Febbraio |
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Carlo Verdone: quando sono avvilito, faccio una “telefonata” con Dio e mi sento meglio!

web3-carlo-verdone-shutterstock_139749259-e1583162750541.jpg

By Denis Makarenko | Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 02/03/20

L'attore e il suo rapporto con la fede: il Cardinale Tonini mi consigliò di fare così in un momento molto brutto della mia vita

Carlo Verdone e il suo rapporto con la fede, animato dalle frequenti conversazioni che aveva con il cardinale Ersilio Tonini.

L’attore ne parla alla rivista “Credere“, svelando l’amicizia speciale che aveva con il porporato, e il suo modo di pregare.

“Credente tra mille dubbi e problemi”

«Io sono credente, pur tra mille dubbi e problemi – afferma Verdone – Penso che il corpo serva a far crescere l’anima, a darle sensibilità e saggezza. Poi, a un certo punto, il corpo ci lascia e l’anima resta. Questa cosa l’avverto sempre di più. Così come sento più forte la forza della preghiera».

Però, prosegue Verdone, «per me pregare non significa recitare dieci ave maria e dieci padre nostro. E’ un colloquio, spesso mattutino o comunque in un momento in cui niente mi può disturbare. Lì posso fare dei lunghi discorsi. Il problema è che non senti la voce di Dio che ti risponde, ma sono convinto che quello che la tua anima ti sta comunicando arrivi a destinazione».

Carlo Verdone e la sua vocazione per il cinema quasi sacerdotale
© Public Domain



Leggi anche:
Carlo Verdone e la sua vocazione per il cinema quasi sacerdotale

“Dammi retta Carlo!”

Questo glielo aveva fatto capire, in modo particolare, un noto porporato suo amico. «Ho avuto più volte il piacere di parlare con il cardinale Ersilio Tonini. In un momento in cui non me la passavo bene per vari motivi, e mi sentivo profondamente avvilito, anche la mia fede era in profonda crisi – dice Verdone – lui mi disse: “Ogni tanto fai una telefonata a Dio. Ma devi stare da solo, tranquillo, e devi essere convinto che lui ti ascolta. Vedrai, troverai la forza per andare avanti. Dammi retta Carlo, dammi retta”. Ogni volta che ci rivedevamo, mi chiedeva: “Carlo, hai fatto quella telefonata“».

ogmsdcaw6sn0vqrnvd0ovpm90nxnz1sbpnll2q08fpbzr0ej2gbhhzffcvzo-d7mpxti5xfld4v_6moqonz0yu4-gkg0.jpg
©CATHOLICPRESSPHOTO

Papa Francesco? Un prete illuminato

Qualche tempo l’attore si espresse anche su Papa Francesco. Una persona che ama la «concretezza». «Il Pontefice esercita la sua missione pastorale con il buon senso di un prete illuminato – affermò Verdone – non certo con la distanza di un sovrano irraggiungibile».

Nel momento in cui tutti i leader del mondo «alzano i toni, urlano per eccitare i peggiori istinti della gente», Francesco «stimola pacatamente la riflessione sui temi cruciali della nostra epoca. Un’epoca difficile, che ha smarrito la dimensione spirituale ed etica» (Aleteia, 11 dicembre 2018).

POPE FRANCIS CARLO VERDONE
Pope Francis Photo By Antoine Mekary | ALETEIA - Carlo Verdone Photo By Denis Makarenko | Shutterstock

POPE FRANCIS CARLO VERDONE

Leggi anche:
Carlo Verdone: Papa Francesco è un prete concreto e illuminato

Tags:
carlo verdonediofedepreghiera
Top 10
See More