Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’amore deve essere esigente… (e non per questo è una dittatura)

COUPLE
Paolo Braiuca-(CC BY 2.0)
Condividi

L’amore vero non pretende simmetria ma esige reciprocità.

Quando parlo di esigenza in amore, sento un po’ di resistenza in chi mi ascolta. È legittimo all’inizio. Nell’uso consueto, la parola esigenza ha la connotazione di pretesa, di non gratuità. Quando, poi, faccio il momento socratico di maieutica e spiego cosa intendo con esigenza, vedo che le persone iniziano ad essere più d’accordo.
Sono cosciente che parlare di esigenza in amore potrebbe essere pericoloso e facilmente frainteso. Significa avere a che fare con materiale altamente infiammabile che, se inteso male, può sembrare una legittimazione alla manipolazione dell’altro. Se applicata male, l’esigenza può diventare saccenteria, pretesa, dominio e arroganza. Per questo, chiedo a chi legge la pazienza e la buona volontà di camminare insieme nei paragrafi seguenti per avere un quadro più completo.

Pretendere ed esigere

Una delle prime distinzioni che faccio è tra pretesa ed esigenza. Potrebbero sembrare sinonimi, ma non lo sono affatto. Nella pratica, la linea di demarcazione tra pretesa e esigenza può sembrare labile e sottile, ma una differenza sostanziale c’è. La notiamo già dall’etimologia.
Pretendere. Provenendo dal latino, il verbo è composto da prae (avanti) e tendere (tendere, stendere). È addurre ragioni per ottenere qualcosa come diritto.
Esigere. Proviene dal latino exigere e consta da ex (fuori) e agere (tirare, spingere, muovere). È tirar fuori ciò che c’è già dentro. È una specie di educazione (a sua volta ex-ducere), perché l’amore educa e all’amore si educa.
Il prae di pretendere tradisce un a priori. Dentro di me c’è una pretesa che proietto e carico sulle spalle dell’altro, non curandomi della sua realtà personale. Mi deve dare una cosa e non mi importa delle sue condizioni o ragioni.
L’ex di esigenza implica già un’attenzione alla realtà dell’altro. Esprimo anche attenzione alla “mia” realtà, perché – lo vedremo fra poco – la prima esigenza è da vivere verso se stessi.
Dato che il termine suscita comunque un po’ di orticaria, malgrado il chiarimento etimologico, guardiamo a un esempio agricolo per capire meglio la differenza tra pretesa ed esigenza.

In un podere di cocomeri

Un paio di anni fa, stavo guardando il telegiornale e ho visto un servizio curioso che veniva dalla Cina. Il video-reportage faceva vedere dei cocomeri che esplodevano nell’orto. Indagando sul fenomeno, il reporter è riuscito a risalire alla causa di queste esplosioni. L’azienda agricola stava usando un fertilizzante nuovo. Quest’ultimo era talmente forte e “non naturale” che faceva crescere i cocomeri a una velocità esagerata e a dismisura, causandone l’esplosione.
Pretendere nella relazione fa un’opera simile a questi fertilizzanti. Esso carica l’altro (e se stessi) di attese esagerate e innaturali che portano a un’esplosione. L’esplosione può essere lo scatto di rifiuto e di ribellione, ma può essere anche un crollo.
Alcune persone, sotto i colpi delle pretese sociali, familiari o del partner, perdono la stima di se stesse, smarriscono il quadro implicito della propria identità, non sanno più chi sono e crollano. La pretesa è una pressione violenta che fa scattare meccanismi stressanti, innaturali e distruttivi.
Attenendoci all’analogia agricola, esigere sarebbe paragonabile all’opera che fanno la terra, l’acqua e il sole verso i semi e le piante di cocomero. La terra accoglie, custodisce e nutre. Ma anche spoglia, fa sbocciare e fa portare frutto. Così fa anche l’acqua che compenetra i semi con naturalezza e rafforza la linfa dei rami, comunicando loro i minerali e i vari nutrienti della natura. Il sole avvolge la pianta con il calore necessario per portare a maturazione i frutti, dando loro il bel colore rosso e rendendoli dolci per il palato e rinfrescanti per l’organismo.
Tutta l’opera effettuata dalla natura è un’opera di esigenza tenera ma decisa. Dal seme di cocomero, la natura non fa crescere dei cocomeri abnormi e snaturati, come non fa neppure crescere cipressi. Allo stesso tempo, la terra non soffoca il seme e non lo mantiene infruttuoso, come sarebbe rimasto in un cassetto senza contatto con l’aria, l’acqua, la terra e il sole. La natura fa crescere il cocomero nel rispetto della sua identità e dei suoi tempi.
È questo il punto che vorrei mettere in luce. L’esigenza non snatura l’altro, ma manifesta la sua vera natura. Non forza l’altro, ma crea le condizioni della sua realizzazione.

Gesto pratico

Più che un esercizio da fare, questa volta ti propongo altri due pilastri per il tuo esame di coscienza riguardo all’esigenza.
– prima di essere esigenti con gli altri, bisogna esserlo con se stessi.
– l’esigenza nelle relazioni non è a senso unico. Entrambi i partner devono costituire questa presenza qualificante l’uno per l’altro.
E, come ultimo gesto di chiarimento, chiudo la riflessione con un’affermazione di papa Francesco in Amoris laetitia, affermazione che spiega secondo me in maniera geniale il senso dell’esigenza: «La missione forse più grande di un uomo e una donna nell’amore è questa: rendersi a vicenda più uomo e più donna. Far crescere è aiutare l’altro a modellarsi nella sua propria identità. Per questo l’amore è artigianale».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni