Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconChiesa
line break icon

Il Papa rivela come ha accompagnato nell'agonia un suo amico vescovo

Tv 2000

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 28/02/20

L'aneddoto raccontato su Tv 2000

«Lascia, lascia, lasciati andare, hai fiducia, non ha senso prenderti ancora un pò in questa vita. L’ho animato a spirare e se ne è andato. E’ bello, mi ha fatto assumere proprio la realtà della morte».

Jorge Mario Bergoglio, allora arcivescovo di Buenos Aires, sta parlando ad un suo collego, un giovane vescovo argentino. L’uomo è ricoverato da giorni in una clinica, ormai in agonia. Il futuro Papa gli parla pochi minuti. Poi il vescovo spira, come se Bergoglio lo avesse accompagnato, in modo sereno, verso la morte.

Papa Francesco ha raccontato questo aneddoto durante una puntata della trasmissione Io credo, andata in onda su Tv 2000 e condotta da Don Marco Pozza.




Leggi anche:
Preghiera all’angelo custode per prepararsi a una buona morte

Simulare il trapasso

Più volte il Papa è intervenuto, anche in modo singolare, sul tema della morte. Ha ammesso, infatti, di aver fatto l’esercizio della “buona morte” e ha raccontato in cosa consiste. In pratica si “simula” il momento del trapasso, quando si sente il corpo venir ormai meno. In quell’istante si stimolava questo esercizio:

«Si cominciava a chiedere pietà al Signore, ma c’era proprio la descrizione del momento della morte. Quando incomincia il sudore: “Gesù misericordioso, abbi pietà di noi..”. Quando manca il respiro: “Gesù misericordioso, abbi pietà di noi…”. Era tutto un po’ tetro. Ma si usava così a quel tempo, era realistico».

“Abituarsi al fatto di dover morire”

Il significato della “buona morte”, ha evidenziato il Papa, consisteva nell’ «abituarsi al fatto di dover morire. C’era anche un esercizio spirituale: pensare alla propria morte. Fare quell’esercizio durante la giornata, per sottolinearne la normalità. Ci raccontavano di san Domenico Savio, a cui, mentre giocava coi compagni, avevano chiesto: “Se in questo momento il Signore ti dicesse che stai per morire, cosa faresti?”. “Mah, continuerei a giocare” aveva risposto lui. Per un santo, la morte è così naturale da non modificare per niente la normalità della vita».




Leggi anche:
Sapete che cos’è la “buona morte”? Ce lo spiega Papa Francesco

Tags:
buona mortepapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni