Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 17 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconSpiritualità
line break icon

Dolore, paura, malattia, angoscia? Gridate a Dio

SAD WOMAN

By eldar nurkovic | Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 27/02/20

Quali sono le mie domande, le mie paure, le mie angosce? Quelle che mi pesano sul cuore. Domande su di me, sulla mia storia.

Se vivo a fondo i momenti di confusione, riconoscendo la situazione in cui mi trovo, potrò vivere a fondo anche i momenti di luce quando arriveranno.

Credo che questo mi renda più umano. Mi aiuta il fatto di accettare che nella mia vita ci sono cose difficili da comprendere e assumere. Non ho tutte le risposte, pur essendo credente.

Ho fede e fiducia in quel Gesù che viene nella mia vita. Sono suo tempio:

“Non sapete che siete tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi?”

Sono il tempio in cui Egli abita quando lo lascio entrare. Quando apro la mia anima perché entri e mi guarisca. È la fiducia che oggi risveglia in me Gesù.

Riconosco la mia debolezza e supplico la sua misericordia. Non mi inganno. Non tutto è chiaro, non tutto quello che mi succede è positivo. Sorgono dubbi e paure. Domande aperte per le quali non trovo risposte in questo presente che vivo.

Ma non mi angoscio per questo. Gli offro tutto fiducioso. Gli offro la mia rabbia, il mio sconcerto e il mio scontento. Non tutto mi piace, non tutto mi rallegra.

Voglio vivere i giorni di oscurità come i giorni di luce. I giorni di incertezza come quelli di certezza. A ogni giorno basta il suo affanno.

Non ho paura, ma non cerco risposte quando ancora non le ho. Non le chiedo, né le esigo. Mostro la mia rabbia quando ce l’ho, e la mia angoscia quando ne soffro.

Mi mostro felice quando ho la luce nell’anima, e con pace quando il suo potere mi ha pacificato. A ogni giorno quello che gli spetta, né più né meno.

Decido di non vivere nel passato, né di vivere angosciato per quello che non è ancora accaduto. So che Dio riscatta la mia vita dalla fossa e cura tutte le mie malattie. Saperlo mi dà pace. Appartengo a Lui, e questo mi consola.

A volte i dubbi del presente mi tolgono la pace. Guardo Gesù e mi calmo:

“Il mondo, la vita, la morte, il presente, il futuro: tutto è vostro! Ma voi siete di Cristo e Cristo è di Dio ”.

Tutto è di Dio, nulla è mio. Né il mio dolore, né la mia gioia. O meglio, è mio e appartiene a Dio, perché io sono di Dio.

Non devo vivere con la paura perché so che la mia vita è nelle sue mani e io posso fare poco per salvare i miei giorni. Suor Veronica, fondatrice di Iesu Communio, diceva:

“Ho capito la gioia di essere cristiani. Che il mio presente non lo determina chi sono stato, ma chi è Gesù. Uno sguardo riconciliato. Una memoria grata. Memoria costante della fonte nascosta”.

Il mio passato trova riposo davanti a Dio, e anche il mio presente in cui sono figlio, bambino, povero davanti ai suoi occhi pieni di misericordia.

Sono figlio e vivo riconciliato nel cuore di Gesù. In Lui possono riposare tutti i miei affanni. Non mi importa più tanto ciò che può accadere, perché Egli tiene il timone della mia barca e sostiene la mia vita nelle sua mani.

Non smetto di pensare a quello che Dio mi ha dato e gli rendo grazie. Per il bene e per le croci che vivo. Non pretendo di trovare una risposta a tutte le mie domande. Vivo abbracciato al suo cuore tenero e comprensivo.

E so che la mia vita in cielo sarà grande. E nel frattempo non importa il giudizio degli uomini, anche se è privo di misericordia. Importa più l’amore di Dio che mi aspetta alla fine del cammino e mi abbraccia nelle mie giornate.

Il suo giudizio mi salva, non mi condanna. E quella pace oggi riempie la mia anima. Mi sostiene, mi rallegra. È sempre con me.

  • 1
  • 2
Tags:
diodolorepaura

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
7
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni