Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconSpiritualità
line break icon

Dolore, paura, malattia, angoscia? Gridate a Dio

SAD WOMAN

By eldar nurkovic | Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 27/02/20

Se vivete a fondo i momenti di confusione, riconoscendo la situazione in cui vi trovate, potrete vivere a fondo anche i momenti di luce

Gesù viene a salvarmi, a riscattarmi dai miei dolori e dalle mie malattie, dalle mie cadute e dalle debolezze. La Bibbia lo spiega così:

“Egli perdona tutte le tue colpe, risana tutte le tue infermità; salva la tua vita dalla fossa, ti corona di bontà e compassioni… Il Signore è pietoso e clemente, lento all’ira e ricco di bontà… Non ci tratta secondo i nostri peccati, e non ci castiga in proporzione alle nostre colpe… Come un padre è pietoso verso i suoi figli, così è pietoso il Signore verso quelli che lo temono”.

Oggi guardo Gesù nel mio dolore, nella mia paura, nella mia malattia aperta, nella mia angoscia. Voglio parlargli sinceramente di quello che mi succede, chiedergli, lamentarmi, reclamare.

So che è tenero, ma non sempre lo sento. È compassionevole, ma quando soffro non lo percepisco.

PRAYING
P Deliss | GODONG

A volte, quando mi trovo davanti a una difficoltà, metto a tacere il grido dell’anima, e mi adatto a spiegazioni teoriche che non mi calmano:

“Dio mi manda questo perché impari qualcosa”, o “Sicuramente è il meglio per me perché Dio lo permette nella mia vita, Dio è buono”, o ancora “Lo offro come capitale di grazie”.

In fondo non lo sento. Credo che sia importante vivere il momento di oscurità e riconoscerlo in questo modo. Non cercare risposte imparate che non mi toccano il cuore.

Dio è mio Padre, mi ama senza giudicarmi e mi invita ad avere fiducia in Lui. Dio guarisce le mie ferite e cura le mie malattie. E io sono impaziente, voglio tutto subito, non quando vuole Lui.

Mi soffermo a dirgli che non capisco, che ho molta paura, perché non lo vedo e le cose non sono come pensavo.

Gli racconto i miei fallimenti, le mie delusioni, i miei complessi, le mie perdite e i miei sogni. Le mie codardie e le mie ferite. Solo partendo da questa esperienza umana posso aprirmi affinché Egli mi guarisca.

  • 1
  • 2
Tags:
diodolorepaura
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni