Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 05 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconSpiritualità
line break icon

Il digiuno può essere un atto di ribellione?

WOMAN WAITING TO EAT

Shutterstock

Sarah Robsdotter - pubblicato il 26/02/20

Prendiamo il digiuno come una santa “dichiarazione d'indipendenza” dall'iperattaccamento! Quali sono i vostri progetti quaresimali?

Non sono stata allevata nel cattolicesimo, e tutta questa storia del digiuno è qualcosa che devo ancora capire, e quindi quando mi imbatto in un passo che getta un po’ di luce sulla questione mi emoziono davvero.

Questa gemma tratta dal catechismo bizantino Il Mistero Vissuto mi sta facendo aspettare con ansia il periodo di 40 giorni di preparazione alla Pasqua, noto anche come Quaresima:

“Digiuno, preghiera ed elemosina sono una ‘dichiarazione d’indipendenza’, un atto di ribellione contro la schiavitù e l’iperattaccamento al mondo caduto indotto dalle nostre passioni. Sono un ‘NO’ definitivo al fatto di essere concentrati su se stessi, alla vita frenetica di oggi; ci restaurano in una giusta relazione con Dio, con gli altri e con noi stessi” [Il Mistero Vissuto. 2001; p. 35]

E allora a quale iperattaccamento vi ribellerete in questa Quaresima?

Per me si tratta del fatto di chiacchierare al telefono il pomeriggio. Può sembrare sciocco, ma le mie conversazioni telefoniche con le amiche mentre lavo i piatti hanno ormai preso il posto di un tempo per la preghiera decisamente necessario nella mia vita. Giorni fa ho pensato che Gesù stesse in piedi accanto al lavandino, aspettando pazientemente di trascorrere del tempo con me.

Di cosa gli parlerò in questa Quaresima? E Lui cosa mi dirà?

All’improvviso, abbandonare il telefono il pomeriggio è diventata una prospettiva affascinante – ribellarsi contro il mio iperattaccamento all’attività, sostituire le mie chiacchiere con l’ascolto attivo, abbracciare la pace, la calma e la contemplazione.

Tags:
digiunoquaresima
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
JOE BIDEN
Francisco Vêneto
Un sacerdote ha negato a Joe Biden la Comunio...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Little Sisters Disciples of the Lamb
Cerith Gardiner
Conoscete l'ordine religioso che accoglie suo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni